Pay tv. Usa: calo del 3% delle sottoscrizioni nell’ultimo anno, è crisi del settore?

cable cord - Pay tv. Usa: calo del 3% delle sottoscrizioni nell’ultimo anno, è crisi del settore?

La pay tv statunitense deve fare i conti con un notevole calo dell’utenza: dopo il report di Nielsen sul regresso delle abitudini degli spettatori verso forme free di intrattenimento televisivo, anche uno studio del Leichtman Research Group conferma il trend calante della sottoscrizione di abbonamenti alla tv a pagamento negli Stati Uniti.
Le case americane in cui c’è un abbonamento a una qualche forma di servizio pay tv, lineare o no, oggi sono il 79%, mentre nel 2014 erano l’84% e nel 2010 ben l’88%.
Brian Wieser, analista della società di ricerche di mercato Pivotal, ha approfondito i dati forniti da Nielsen e dal Leichtman Research Group, traendo altre due informazioni rilevanti: il calo importante di sottoscrizioni ha visto un’accelerazione negli ultimi 12 mesi, periodo in cui la diffusione degli abbonamenti pay tv è diminuita del 3,1%; mvpd 300x126 - Pay tv. Usa: calo del 3% delle sottoscrizioni nell’ultimo anno, è crisi del settore?contemporaneamente, da ottobre 2016, i “virtual MVPD” – cioè i distributori di programmazione video multicanale che operano tramite internet (anziché, come tradizionalmente avviene negli Stati Uniti, via cavo) – hanno raccolto 1,5 milioni di nuovi utenti, molto probabilmente provenienti dalla pay tv. Quest’ultima considerazione è supportata dal fatto che la diminuzione delle sottoscrizioni alal tv a pagamento è accompagnata da un aumento della presenza di televisori nelle case americane: ciò può significare soltanto che l’utenza sta migrando, con grosse perdite per i network storici come Discovery Family Channel (-11,2% di sottoscrittori), Destination America (-11,1%) o Science (-9,2%).
Complessivamente, secondo Leichtman, nel secondo trimestre di quest’anno sono stati 976,000 i “cord cutters” (in inglese, “tagliatori di cavo” fa riferimento al gesto di staccare il cavo attraverso il quale la pay tv tradizionale raggiunge i televisori nelle case americane), cioè gli utenti che hanno abbandonato gli operatori della pay tv, che scendono a quota 90,7 milioni di sottoscrittori (-3% dal terzo trimestre dell’anno scorso). Non sembra plausibile un’inversione del trend prima della fine dell’anno, considerate anche le calamità naturali che si sono abbattute sugli Stati Uniti e che hanno abbassato ulteriormente lo status economico di alcune fette della popolazione americana. (P.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Pay tv. Usa: calo del 3% delle sottoscrizioni nell’ultimo anno, è crisi del settore?

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL