Prorogati i termini per le pre-iscrizioni alla IV° edizione del Premio “La PA che si vede: la TV che parla con te”

Per partecipare al concorso è necessario compilare on-line l’apposita scheda disponibile fino al 14 settembre 2008 sul sito del Formez


I materiali dovranno essere inviati, come da regolamento, entro 30 settembre 2008
Il concorso é rivolto alle Pubbliche Amministrazioni che sperimentano la produzione audiovisiva rendendola disponibile su diversi canali (web, tv digitale terrestre, via cavo, satellite, rete di telefonia mobile). Il premio vuole segnalare le migliori esperienze di tv interattiva come nuovo modello di servizio al cittadino sfruttando al meglio le potenzialità associate del web, del video e della tecnologia digitale terrestre.
La premiazione si svolgerà a Milano, in occasione del Salone Europeo della Comunicazione Pubblica dei Servizi al Cittadino e alle Imprese.
E’ possibile concorrere, con prodotti diversi, per le seguenti categorie di premio:
– Notiziario istituzionale (informazioni di taglio giornalistico e di cronaca sulle attività dell’ente, con riferimento alla pubblica utilità: tg quotidiani o periodici, inchieste, rubriche, interviste ecc.);
– Video promozionale sulle attività dell’Ente (in forma di spot breve che presenti efficacemente all’utenza i servizi dell’Ente nel suo complesso o di singoli settori);
– Canali tematici (trasmissioni ad hoc su settori e temi specifici di interesse pubblico quali ad es. turismo, salute, immigrazione, innovazione, pari opportunità, ecc.);
– Servizi Interattivi delle p.a. che si vedono (applicazioni su televisione digitale – satellitare, terrestre o via cavo, web e rete di telefonia mobile – che utilizzano in modo innovativo le sperimentazioni sull’interattività).

Leggi il Bando del concorso

Segreteria Organizzativa:
Maria Cristina Bleve, 06 828822618
Vanessa Pellegrini, 06 828822608
Roberto Santi, 320 4316846
e-mail: lapachesivede@formez.it

printfriendly pdf button - Prorogati i termini per le pre-iscrizioni alla IV° edizione del Premio “La PA che si vede: la TV che parla con te”