Pubblicità. Calano gli investimenti. Al ribasso le stime per il 2008

Secondo l’Upa (Utenti pubblicità associati) a dominare è “l’incertezza”


Tempi duri per chi campa di raccolta pubblicitaria. Anche a seguito della recente crisi sui mercati finanziari, l’Upa, Utenti pubblicità associati, si è vista costretta a rivedere al ribasso le stime 2008 per quel che riguarda gli investimenti in pubblicità. Secondo il Presidente di Upa, Lorenzo Sassoli De Bianchi, non è possibile fare previsioni di medio termine per quel che riguarda il comportamento dei principali investitori. A dominare è l’incertezza. Questo perché, a detta di Sassoli De Bianchi, le aziende avrebbero preferito investire sui mercati finanziari, scordandosi per qualche anno di quel che conta davvero, ovvero della qualità dei prodotti e della capacità di sedurre i consumatori. Le imprese “cicale” sarebbero state però punite dai vari tracolli finanziari. E quindi, giocoforza, per il futuro si prospetta un ritorno al passato. Back to the basic. Produzione, marketing, pubblicità, vendite. Sempre che ci siano i soldi per farlo. E mentre le aziende fanno quattro conti, si può provare a dare qualche suggerimento su dove investire l’eventuali surplus, basandosi sull’analisi delle stime Upa. A resistere dovrebbe essere, come sempre, la televisione. Piangerà la carta stampata (soprattutto i periodici). Ma potrà cantare gioia la cara e vecchia radio. Le cifre da scommettere saranno sicuramente più modeste di quelle richieste dalla televisione. Ma i risultati potrebbero essere molto più significativi. (Davide Agazzi per NL)

printfriendly pdf button - Pubblicità. Calano gli investimenti. Al ribasso le stime per il 2008
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Pubblicità. Calano gli investimenti. Al ribasso le stime per il 2008

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL