Radio, ascolti: in USA il meter tascabile altera le classifiche. Precipitano le “top of the class” ed emergono altre stazioni

Arricchiamo l’infinito dibattito sulle controverse rilevazioni degli ascolti radiofonici in Italia attraverso una interessante valutazione effettuata da Andrea Lawendel, giornalista esperto di cose radiofoniche e curatore del seguitissimo blog Radio Passioni. "Quando Arbitron, l’Audiradio americana che misura la popolarità delle stazioni nei vari mercati in viene suddiviso il bacino d’utenza negli Stati Uniti (e la popolarità influisce ovviamente sul valore pubblicitario), ha introdotto la tecnologia PPM i risultati ottenuti, spesso così diversi dalle classifiche stabilite in passato sulla base di diario stilato direttamente dagli ascoltatori, hanno sollevato parecchie perplessità", spiega Lawendel, evidenziando come "Il Portable People Meter è un apparecchietto che ciascun componente del campione di rilevamento Arbitron deve indossare mentre ascolta la radio.People Meter Smart - Radio, ascolti: in USA il meter tascabile altera le classifiche. Precipitano le "top of the class" ed emergono altre stazioni Il dispositivo si mette all’ascolto di specifici segnali di marcatura (watermarking) inudibili per le normali orecchie e in pratica riesce a identificare da solo le stazioni radio ricevute. Le classifiche di ascolto ricompilate sulla scorta dei primi risultati ottenuti con i PPM hanno ribaltato completamente, in certi casi, i valori consolidati del passato, facendo precipitare molte stazioni che credevano di essere "top of the class" (e si facevano pagare gli spot di conseguenza)". Ma è proprio così? Forse no. Almeno secondo una società specializzata di Boston che è andata a fare le pulci al sistema, analizzando anche i brevetti su cui il PPM è basato e ha barbitron 1 - Radio, ascolti: in USA il meter tascabile altera le classifiche. Precipitano le "top of the class" ed emergono altre stazioniuttato giù un piccolo cahier de doleances evidenziandone i punti deboli. Stando a tali verifiche, "Il Personal Meter non sarebbe poi così infallibile, molto dipende dalle condizioni ambientali dell’ascolto, dai suoni interferenti, dalle attenuazioni. Da prendere con le molle sarebbe anche il famoso watermarking. Se il livello è troppo elevato, rischia di disturbare l’ascolto, se troppo basso, il PPM non riesce ad agganciarlo". I caveat lanciati da 25-seven, la società che si è occupata di questa analisi in retrospettiva, "sono numerosi e si aggiungono al coro di richieste di maggior trasparenza e certezza che si è avvicendato in questi ultimi mesi. In gioco, tra l’altro, c’è l’economia di un settore che in questo 2009 di crisi starebbe già subendo perdite molto significative. Negli Usa si parla di percentuali di contrazione delle vendite pubblicitarie da botte di venti o venticinque punti e molte stazioni grandi e piccole lottano per la sopravvivenza. Il report pubblicato da 25-seven si può leggere o scaricare sul sito dell’azienda ed è firmato dall’ingegnere in capo, Berry Blesser, ex MIT".
printfriendly pdf button - Radio, ascolti: in USA il meter tascabile altera le classifiche. Precipitano le "top of the class" ed emergono altre stazioni