Radio e tv: morto Giuseppe Napoli, deus ex machina dell’Aldena

Se ne è andato in maniera schiva, in linea col suo carattere estremamente riservato. Giuseppe Napoli, sessantacinquenne patron dell’Aldena, una delle più importanti società italiane progettatrici e produttrici di sistemi radianti e relativi accessori, era un grande.

Pochissime le radio italiane che nella loro esistenza non hanno fatto impiego, almeno una volta, delle sue antenne, soprattutto negli anni ’80, quando essa dominava il mercato insieme a pochi altri marchi. Giuseppe Napoli (nella foto a destra, insieme al direttore dell’I.T. Lombardia del MSE-Com Giuseppe Di Masi) era malato da tempo, ma nessuno immaginava così gravemente. Così la notizia della sua morte, peraltro giunta in concomitanza coi funerali (svoltisi oggi), ha colto tutti alla sprovvista. In ricordo di una persona che ha sempre meritato grande stima non solo per la sua professionalità, ma anche per la disponibilità e la pacatezza caratteriale, ripercorriamo la storia della sua società, nata nel 1979 in piena euforia dell’emittenza libera (anche se le radici risalgono a molto prima, all’epoca del padre Lionello Napoli). "Sin dagli anni Venti, Lionello Napoli era in comunicazione con il mondo intero grazie alla sua passione come radioamatore e già negli anni 50 fu il primo costruttore italiano di antenne per la ricezione di segnali radiofonici e televisivi", si spiega sul sito Aldena. Nel 1954, proprio come importante riconoscimento della grande attività, uno dei primi prodotti di Lionello Napoli fu utilizzato dalle Poste Italiane come modello per la realizzazione del francobollo commemorativo della nascita della televisione in Italia. A partire dal 1970 Giuseppe Napoli, con la stessa passione del padre, trasforma gradualmente la produzione, da antenne per la ricezione, in prodotti professionali per la per trasmissione di segnali radiotelevisivi e nel 1979 nasce ufficialmente la Telecomunicazioni Aldena s.r.l.. Pochi anni più tardi, a complemento ed integrazione della produzione, viene anche istituito un settore informatico dedicato alla produzione e vendita di programmi software destinati agli operatori del settore. "Ciò conferisce ancora oggi ad Aldena una posizione unica nel mercato internazionale rispetto a più illustri case costruttrici", spiega il portale a cui Giuseppe Napoli aveva sempre dedicato grande attenzione. Con Giuseppe Napoli un altro tassello di un periodo irripetibile della storia radiotelevisiva privata italiana se ne va per sempre. (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Radio e tv: morto Giuseppe Napoli, deus ex machina dell'Aldena