Radio. USA: iHeart sull’orlo del fallimento, ma gli investitori hanno un piano per salvarla

iHeartRadio Logo iHR Vertical Color on Black - Radio. USA: iHeart sull’orlo del fallimento, ma gli investitori hanno un piano per salvarla

Un piano di ristrutturazione del debito potrebbe essere l’unica speranza di salvezza per il colosso della radio statunitense (e mondiale) iHeartCommunications.
La società, che fa capo alla holding iHeartMedia ed è proprietaria di più di 850 stazioni radio negli Stati uniti e nel mondo, dal 2008 ha ripensato se stessa e la diffusione via etere, puntando sul digitale, inaugurando la piattaforma online iHeartRadio (un aggregatore captive) e spingendo verso la radio ibrida (anche nella direzione dell’audiografica e della radiovisione).
Nonostante l’esperienza notevole nel mercato dei mass media e l’attenzione alle evoluzioni digitali del settore radiofonico, il modello di business della iHeart non ha funzionato: lo stato di salute della società è in declino da tempo e rasenta il fallimento a causa di una faraonica esposizione debitoria di 20 miliardi di dollari.iheartradio 300x199 - Radio. USA: iHeart sull’orlo del fallimento, ma gli investitori hanno un piano per salvarla
Sembra però che alcuni soggetti siano intenzionati a salvare iHeart dal folle indebitamento: un nutrito gruppo di investitori – in testa la Symphony Asset Management – propone infatti di sanare il debito con l’acquisto del 49% della proprietà di iHeartMedia. Una soluzione simile era già stata proposta nei mesi passati, ma aveva avuto esito negativo; inoltre il piano non andrà in porto senza l’adesione del maggior creditore di iHeart, la Franklin Advisers, verso cui la media company di San Antonio è esposta per oltre 2 miliardi di dollari, che – come riporta il New York Post – sta valutando la congruità dell’accordo.
La situazione è vissuta con palpitazione da parte di centinaia di radio locali nordamericane totalmente partecipate, controllate o partecipate, la cui sopravvivenza sarebbe messa certamente a rischio dal fallimento della società proprietaria.
Se la proposta degli investitori naufragasse non resterebbe che proseguire nell’opera di smantellamento di iHeartCommunication, ponendo così fine ad un’era della radio statunitense. (P.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio. USA: iHeart sull’orlo del fallimento, ma gli investitori hanno un piano per salvarla

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL