Radio locali, Torino: Black Out critica operazione Digos, si imprigionano le voci scomode

Un "attacco censorio e intimidatorio nel pieno della campagna ‘Spegni la censura, accendi ‘Black Out’" avviata in vista della scadenza del contratto d’affitto per l’emittente di riferimento dell’autonomia.

Cosi’ la redazione di ‘Radio Black Out’ definisce l’operazione che ha portato a sette misure cautelari e alla perquisizione della sede della radio. "Con la scusa di un’operazione di polizia inconsistente – dicono i redattori – volta a criminalizzare l’ Assemblea antirazzista torinese, che tra l’altro si e’ sciolta lo scorso mese di maggio, la radio e’ stata di fatto sequestrata per piu’ di 6 ore e per piu’ di un’ora e’ anche stato staccato il segnale, cosa che non puo’ assolutamente accadere a una radio e il motivo della perquisizione e’ perche’ la radio e’ stata definita il luogo in cui i partecipanti dell’Assemblea tengono riunioni e assumono decisioni. Non ci stupisce – aggiungono i redattori della radio – che la cosa arrivi in questo momento in cui la radio e’ gia’ sotto attacco da parte del Comune ma per noi e’ l’ennesimo episodio che dara’ il la’ a nuove iniziative nell’ambito della nostra campagna con la quale ribadiamo che da qui la radio non se ne andra’". I reati contestati, secondo i redattori di ‘Radio Black Out’ sono "di scarsissima rilevanza penale: insulti, reati contro il patrimonio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e una generica associazione a delinquere e tre dei colpiti dai provvedimenti di oggi sono nostri redattori". (Adnkronos)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio locali, Torino: Black Out critica operazione Digos, si imprigionano le voci scomode

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL