Home Radio e TV Radio. Pubblicità ad aprile +18,4%. Trend 2018 +10,1%. Bene anche la locale,...

Radio. Pubblicità ad aprile +18,4%. Trend 2018 +10,1%. Bene anche la locale, ma non dappertutto

aprile, T.A.R.

L’Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di Aprile 2018.
I dati elaborati evidenziano un importante aumento del fatturato pubblicitario della pubblicità nazionale radiofonica pari al +18,4% nel mese di Aprile 2018 rispetto al corrispettivo 2017. Tale dato corrisponde ad un fatturato totale di 32.521.000,00 euro.
Nell’assemblea tenutasi il 23/05/2018 Fausto Amorese è stato confermato Presidente FCP-Assoradio per il biennio 2018-2019, così giungendo al suo secondo mandato. Laura Rossetto Casel (Rai Pubblicità) e Monica Gallerini (RDS) sono stati invece nominati consiglieri FCP-Assoradio in Consiglio Federale FCP.

In assemblea è stato approfondito il tema dell’andamento del mezzo ad Aprile 2018, che Amorese ha così commentato: “In Italia il mercato pubblicitario e le previsioni sul suo andamento sono attualmente caratterizzati dall’incertezza che domina il quadro generale. In questo contesto il fatturato del mezzo Radio, dopo avere ottimamente chiuso il primo trimestre (+7,1%), apre il secondo con un sensibile progresso. Nei dati dell’Osservatorio FCP-Assoradio il fatturato di Aprile cresce infatti del +18,4% rispetto al 2017 con un incremento del numero di inserzionisti dell’8% e la crescita di diversi settori, tra i quali Automobili, Media/Editoria, Turismo/Viaggi, Tempo Libero. Il fatturato del periodo Gennaio-Aprile cresce del +10,1%. Risultati che pongono basi positive per il prosieguo dell’anno e in particolare del secondo quarter, che sarà caratterizzato da eventi di grande portata come i mondiali di Calcio in Russia”.
Positivo, a quanto risulta a questa periodico (dati Consultmedia), l’andamento della raccolta della pubblicità locale ad aprile 2018 anche per i player locali di spicco nelle regioni del Nord (in particolare Lombardia e Triveneto) e nel Lazio. Situazione di stallo invece nel sud Italia per la vendita degli spot, ma diffuso aumento dei ricavi da gestione degli eventi. (E.G. per NL)

foto antenne di Floriano Fornasiero