Home Radio e TV Radio. Editori, portate le emittenti in piazza: mondo reale è risposta a...

Radio. Editori, portate le emittenti in piazza: mondo reale è risposta a strapotere di quello virtuale. Eventi voce sempre più importante in bilancio radio locali

SHARE
eventi

Eventi chiave di svolta per economia radiofonica locale.
La chiusura di tante stazioni è la conferma che la radiofonia locale (ma non la Radio in sé, che rimane sul podio della raccolta pubblicitaria nazionale) ha fatto il suo tempo? Sì e no.
Sì, perché nell’era di Internet le radio locali fondate sul modello classico (contenuti, anche di rilievo locale, contro spot pubblicitari) non possono più sostenere il confronto con strumenti di informazione ed intrattenimento più performanti sul piano commerciale (quali sono i cd. “rich media”).
No, se le radio capiscono le nuove regole dettate dal cambiamento introdotto dal web: “Fateci caso, c’è una cerchia (sicuramente ristretta) di emittenti locali che prospera in un momento di crisi del comparto: si tratta di stazioni, certamente di grande appeal, che non si pongono sullo stesso livello delle reti nazionali, ma completano un’offerta che altrimenti rimarrebbe scoperta, anche sul piano commerciale e di presidio “fisico” del territorio”, commenta Stefano Cionini, avvocato partner di Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico) e cofondatore di MCL Avvocati Associati, spesso chiamato a coadiuvare procedure concorsuali nel settore radiotelevisivo e quindi esperto delle dinamiche di crisi. Otto FM NBC Milano Vela - Radio. Editori, portate le emittenti in piazza: mondo reale è risposta a strapotere di quello virtuale. Eventi voce sempre più importante in bilancio radio localiQuali le motivazioni della crisi che porta alla chiusura di storici brand? E quali le soluzioni per evolvere. “Sono quelle emittenti che hanno tra la voce “gestione eventi” una quota sempre maggiore dei ricavi. Una volta si diceva che la radio, per essere viva, doveva uscire tra la gente: quel principio vecchio di 30 o 40 anni, oggi è ancora più valido di allora, perché è proprio lì che i competitor del web sono più deboli e le radio locali possono trovare fonti di sostentamento alternative (o comunque complementari) ai classici (e francamente un poco superati) spot”, continua il legale.

Tranne poche eccezioni, il piccolo negozio è destinato a scomparire sotto la pressione dei grandi centri commerciali, a loro volta col fiato sul collo dei superplayer del commercio online (come Amazon). Inutile quindi inseguirne le sorti. Viviamo però in un paese che, per fortuna, sta riscoprendo la voglia di vivere, di frequentare luoghi e gente, che attrae sempre più gente dall’estero col turismo e quindi che vuole animazione. E’ qui che c’è un terreno, se non inesplorato, quantomeno poco presidiato”, interviene Giovanni Madaro economista dell’Area Economica di Consultmedia.
“Esaminando i conti economici delle 250 imprese clienti di Consultmedia è una costante rilevare come le emittenti radiofoniche sane siano sempre quelle per cui la gestione eventi pesa ormai quasi il 50% tra i ricavi”.
“Oltretutto la gestione degli eventi è quella che gode e provoca la maggiore interazione sui social, quindi creando un circolo virtuoso per il quale il web non sottrae risorse ai bilancio delle radio, ma le apporta“, conclude Cionini. (E.G. per NL)