Home News Ticker Tv Radio. TER 2018, secondo semestre vs primo: trionfo per RTL e Freccia....

Radio. TER 2018, secondo semestre vs primo: trionfo per RTL e Freccia. Bene Radio 24 e Radio Italia. Non decolla Radio 105 e slittano RDS e DeeJay

TER

Confermate le indiscrezioni di questo periodico: nulla di stravolgente nel secondo semestre 2018 di TER rispetto al primo, ma molti segnali importanti da non sottovalutare. L’ascolto radio del secondo semestre 2018 cresce di 321.000 utenti (erano 34.535.000 nel primo e sono 34.856.000 nel secondo).
Pur coi limiti – di cui siamo consapevoli – di un confronto tra periodi disomogenei, poniamo in relazione il primo semestre 2018 con il secondo.
In tale contesto si conferma leader RTL con 7.933.000 in crescita di 374.0000 teste rispetto al semestre precedente (7.559.000); soddisfazione non solitaria per l’editore Lorenzo Suraci, posto che dello stesso gruppo fa il salto oltre il milione Radiofreccia, passando a 1.076.000 da 990.000 (Radio Zeta rimane invece ferma: erano 679.000 e sono 678.000).
Sempre sul confronto tra semestri, non performa questa volta RDS, che scende da 5.641.000 a 5.490.000 (-151.000), al contrario di Radio Italia, che sale sostanzialmente in ugual misura (+161.000 da 5.148.000 a 5.308.000).

  • Consultmedia 22 HBG 5 900X900 - Radio. TER 2018, secondo semestre vs primo: trionfo per RTL e Freccia. Bene Radio 24 e Radio Italia. Non decolla Radio 105 e slittano RDS e DeeJay
    Pubblicità

Deludente DeeJay, che abbandona la soglia psicologica dei 5 milioni, scendendo da 5.160.000 a 4.943.000, mentre non decolla ed anzi perde ascolti, nonostante gli investimenti effettuati, Radio 105 (Radiomediaset), che si colloca a 4.626.000 rispetto ai 4.744.000 del 1° semestre. Per Radiomediaset una piccola soddisfazione arriva con Virgin Radio, che cresce da 2.566,000 a 2.697.000; sono invece sostanzialmente stabili R 101 (2.032.000 contro 2.060.000) e Radio Subasio (erano 1.885.000 e sono 1.857.000).
Segnale positivo per RAI con Radio 1 a 3.818.000 contro 3.784.000, mentre non cresce più Kiss Kiss che si ferma a 2.813.000 rispetto a 2.917.000 ed arretra Radio 2 passando da 2.670.000 a 2.492.000; si sposta piuttosto di poco Radio 3 collocandosi a 1.311.000 dagli originari 1.275.000. Tendenza opposta invece per Isoradio che cresce da 790.000 a 818.000 automobilisti.
Premia l’informazione: Radio 24 registra 2.351.000 in crescita di quasi il 7% (erano 2.197.000 nel 1° semestre TER 2018), ma solo se all’interno di un layout coerente, come dimostra la stanchezza di Radio Capital che rimane invece sostanzialmente stabile a 1.579.000 (erano 1.554.000). Conferma del prodotto anche per Radio Sportiva (1.049.000 contro 1.026.000).

m2o rimane anch’essa inchiodata sul milione e mezzo (1.564.000 contro 1.598.000), mentre RMC sale lievemente da 1.375.000 a 1.444.000.
Cambia invece la prospettiva esaminando il dato annuale TER 2018 vs 2017, che, come spiega il collega Nicola Franceschini su FM World vede gli ascoltatori complessivi del mezzo nel Giorno Medio calati di 761.000 unità, pur con una ripresa registrata sul finire dell’anno, nel quarto trimestre 2018.
“Al vertice, sempre RTL 102.5, ma con quasi 600.000 ascoltatori in meno – scrive Franceschini -. Calano diverse emittenti, mentre si registra un exploit per Radio Kiss Kiss e Radiofreccia”.
Nel dettaglio,  RTL si pone al 1° posto (7.727.000 = -599.000), seguita da RDS (5.563.000 = -134.000).
Terzo posto per Radio Italia Solo Musica Italiana (5.217.000 = +26.000), seguita da Radio Deejay (5.049.000 = -122.000).
Quinto posto per Radio 105 (4.677.000 = -286.000), che comunque distanza di molto Radio1 Rai (3.794.000 = -144.000).

Bene Radio Kiss Kiss (2.872.000 = +456.000), che supera Virgin Radio (2.623.000 = -75.000) e Radio2 Rai (2.587.000 = -106.000).
Decimo posto con saldo positivo per Radio 24 (2.281.000 = +76.000), sopra R101 (2.039.000 = -69.000).
Dodicesima in classica Radio Subasio (1.871.000 = +47.000), che precede m2o (1.583.000 = -105.000) e Radio Capital (1.561.000 = -23.000).
Non bene Radio Monte Carlo (1.392.000 = -43.000) e Radio3 Rai (1.297.000 = -99.000) e flessione per Radio Sportiva (1.042.000 = -77.000)
Exploit per Radiofreccia che con 1.036.000 cresce di 312.000, mentre il saldo è negativo per Radio Zeta (entrambe gruppo RTL), con 675.000 (-56.000)
L’analisi di Franceschini si chiude con  Isoradio Rai con 811.000 (-59.000), Radio Norba in calo con 807.000 (-95.000), Radio Bruno (688.000 = +1.000), Kiss Kiss Italia (655.000 = +43.000) e Radio Margherita (629.000 = -87.000). (E.G. per NL)