RAI. Santoro? Ora dicono che resti. Boh. Certo quel che resta è una grande delusione

Chi li capisce è bravo. "Inquietudine in casa Rai", sarebbe un buon titolo per un quotidiano in edicola domani. Oppure, "Santoro ci ripensa (perché pizzicato a trattare con la Rai una buonuscita milionaria)".

L’azienda è in tumulto, tutti dicono la loro sulla questione e si crea un’enorme caciara che i vertici aziendali non sono in grado di gestire. Forse i politici che ce li hanno mandati farebbero bene a fare mea culpa e a rivedere le proprie strategie lottizzatrici, prima di abbandonare l’azienda totalmente e definitivamente in rovina. C’è chi Santoro lo vuol cacciare da tempo, chi lo vuol tenere per motivi di comodo (sia mai che si sia tacciati di collusione con Berlusconi!) e chi in Santoro risorsa economica e risorsa per il pluralismo (in una Rai per gran parte in mano al Governo) ci crede veramente. Lui, intanto, da par suo, ha cercato di fare i suoi comodi. Stanco e spossato che il clima di persecuzione di cui si ritiene vittima da anni in Rai (che pur lo risarcisce a dovere), aveva deciso di prendere armi, bagagli e liquidazione milionaria (2 milioni di euro tondi tondi) e tornarsene a casa. Anzi, per il bene dell’azienda e del suo portafoglio, avrebbe preso a sperimentare nuovi format, a lanciarsi nella sua repressa passione delle docu-fiction. Niente da fare, dietrofront. Al termine di una delle settimane più incasinate della storia recente della Rai, Santoro ha annunciato che non se ne fa più niente. Forse perché scoperto a trattare buonuscite milionarie e criticato aspramente dai suo fan? Ai posteri (o ai poster) l’ardua sentenza. L’accordo segreto con l’azienda, intanto, è stato reso noto; trasmissioni su trasmissioni sono andate in onda sull’argomento, Santoro stesso, che ora attacca chi ha rotto l’impegno di riservatezza (ma lui non è il paladino della trasparenza e dell’anticensura?), ha dedicato ben venti minuti di "Annozero" a spiegare l’accaduto. C’è chi ha fatto di più, dedicando intere trasmissioni e chi, come Vespa, si è limitato a un breve, conciso ma velenosissimo attacco di poco più di due minuti. In Rai regna il caos: il presidente Galimberti, visto il dietrofront di Santoro, si affretta a dire che il conduttore è una risorsa troppo importante e ha carta bianca; Masi, desaparecido, rilascia dichiarazioni ambigue e poco comprensibili ed è invocato dalla Commissione di Vigilanza, che ne chiede l’audizione la prossima settimana. Nessuno sa cosa succederà, nessuno capisce se – come scrive il "Corriere" – "Santoro aspettasse una risposta dalla Rai o la Rai da Santoro. O se fosse solo una manfrina". Se solo ci fosse meno politica e meno dilettantismo (che ne è la logica conseguenza) forse questo genere di cose non accadrebbe. (G.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - RAI. Santoro? Ora dicono che resti. Boh. Certo quel che resta è una grande delusione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL