Sanzioni pecuniarie

Pagamento effettuato con intento tuzioristico e animo di rivalsa


di Francesco Antonio Genovese, Magistrato
da Quotidiano Giuridico N 05/09/anno 2006 (www.ipsoa.it)
Ulteriori approfondimenti
Ove il contribuente abbia effettuato, ai sensi dell’art. 58 del d.P.R. n. 633 del 1972, il versamento cautelativo della somma necessaria ad estinguere le pene pecuniarie e sanzioni elevate – in materia di IVA – dall’Amministrazione finanziaria, ma ne abbia anche contestato immediatamente la legittimità e la debenza, intraprendendo l’opportuna procedura tendente ad ottenere il rimborso di quanto pagato, non è censurabile la motivazione del giudice del merito che abbia ravvisato – nel comportamento e negli atti posti in essere dal contribuente – un mero intento tuzioristico con l’inequivoca determinazione di contrastare, nelle forme di legge, la pretesa tributaria ritenuta illegittima ed infondata.
(Cassazione tributaria Sentenza 28/07/2006, n. 17205)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Sanzioni pecuniarie

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL