Tagli alle provvidenze editoriali a favore delle radio e tv locali: la protesta di Popolare Network

"Ci sono diversi modi per uccidere la libertà d’informare e di comunicare. L’ultimo escogitato dal governo Berlusconi colpisce l’economia delle radio e delle televisioni locali, con l’effetto di limitarne le possibilità giornalistiche".

Esordisce così il comunicato di protesta del circuito di emittenti locali Popolare Network contro l’approvazione della L. 25/2010 (conversione del DL Milleproroghe) che ha soppresso le provvidenze per l’editoria a favore delle emittenti radiotelevisive indipendenti, lasciando intoccate quelle delle emittenti di partito. La rete che ha la storica stazione milanese Radio Popolare come capofila, ricorda infatti che "Il decreto milleproroghe ha trovato i soldi per salvare i bilanci di giornali di partito e grandi gruppi editoriali, testate storiche e fogli senza storia, ma soprattutto cooperative fasulle di giornalisti e radio di partito. Il governo ha recuperato quei finanziamenti non colpendo i furbetti o risolvendo ingiustizie, ma togliendo i rimborsi che da anni le radio e le televisioni locali ottenevano per coprire parzialmente le spese di elettricità, telefoni, satellite e agenzie. Il risultato sarà – facile prevederlo – ulteriori tagli al personale o la riduzione della capacità di fare informazioneNoi di Popolare Network, un consorzio di una ventina di radio, da anni abbiamo scelto proprio di investire sull’informazione: ogni giorno 14 edizioni di giornali radio, trasmissioni di approfondimento giornalistico, rassegne stampa, dialoghi con gli ascoltatori, rotocalchi d’informazione, grandi dirette dai principali eventi politici e sociali. Un lavoro quotidiano basato sull’assoluta indipendenza da padrini e padroni: e se fosse proprio questa nostra autonomia di giudizio a dare fastidio?  Ma l’indipendenza economica – non essere sottoposti a ricatti di aziende, attraverso la pubblicità, o di enti politici, attraverso regalie – è condizione sine qua non per una reale indipendenza editoriale. I rimborsi statali alle spese, proprio perché rappresentavano un parziale ma importante aiuto economico, contribuivano a garantire la piena autonomia delle radio di Popolare Network. In Italia il mercato dell’editoria è fortemente squilibrato, con grandi gruppi voraci e conflitti d’interesse politico-economici. L’attività di centinaia di radio e televisioni locali rappresenta di per sé una forma di pluralismo reale e preziosa, apprezzata ogni giorno da milioni di persone. Le radio di Popolare Network fanno parte di questo mondo, messo a rischio da un decreto del governo Berlusconi, massimamente ingiusto perché toglie a chi ha poco per dare a chi ha molto…o perlomeno ha santi in paradiso (in questo caso santi in Parlamento).  Il nostro modello economico ha sempre fatto leva sul contributo degli ascoltatori, la nostra migliore garanzia di libertà. Lo faremo ancora, ma senza rinunciare a batterci perché venga ripristinato il diritto soggettivo ai rimborsi, perché ci sia giustizia". Popolare Network si compone di:  Radio Popolare Milano, Radio Popolare Roma, Radio Verona Popolare, Radio Flash Torino, Radio Gold Alessandria, Radio Base Mestre, Radio Fragola Trieste, Radio Tandem Bolzano, Città del Capo – Radio Metropolitana Bologna, Radio 106 Reggio Emilia , Controradio Firenze, Radio Wave Arezzo, Contatto Radio Carrara, Radio Città Pescara, Mep Radio Rieti, Radio Popolare Salento, Radio Roccella, Radio Street Messina.
printfriendly pdf button - Tagli alle provvidenze editoriali a favore delle radio e tv locali: la protesta di Popolare Network
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tagli alle provvidenze editoriali a favore delle radio e tv locali: la protesta di Popolare Network

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL