Telco peggio dei media durante il lockdown

Wind-Tre, operatori, telco

Sorpresa Telco: durante lockdown +75% traffico dati, ma ricavi a -5,8%. Peggio dei media che hanno registrato una flessione del 5,6%.

Non è vero che le telco hanno guadagnato di più col lockdown mentre i media hanno avuto un tracollo di ricavi.

Osservatorio Agcom

Agcom ha infatti certificato nel 1° trimestre 2020 un aumento enorme del traffico dati (+75%) a fronte di un calo del 5,8%. I media nello stesso periodo sono invece scesi, quanto a ricavi, solo del 5,6%. Va detto tuttavia che gli effetti economici del Covid-19 si sono manifestati prevalentemente da aprile.

Telecomunicazioni: traffico su per streaming

Il forte aumento del traffico dati giornaliero è stato dovuto principalmente al più intenso utilizzo di contenuti video in streaming.

Su up & down

Lo ha reso noto Agcom, secondo la quale “durante il periodo di lockdown per la pandemia da Covid-19 (marzo-maggio), l’aumento, sia per rete fissa che mobile, è stato attorno al 75% rispetto al corrispondete trimestre del 2019 ed ha riguardato sia il traffico in upload, sia quello in download”.

La motivazione

La spiegazione sta ovviamente nel fatto che gli utenti chiusi in casa hanno sfruttato maggiormente abbonamenti attivi senza tuttavia attivarne di nuovi.

Telco peggio dei media

Riduzione, quella delle telco, sostanzialmente analoga a quella dei media, per i quali Agcom ha registrato nel primo trimestre dell’anno una riduzione dei ricavi pari al 5,6%. Il segmento che registra le perdite maggiori è quello relativo all’editoria (-12,1% rispetto al corrispondente periodo del 2019).

Gran pacchi

La movimentazione dei pacchi, invece, ha registrato nel trimestre marzo-maggio una crescita media del 29,2% (+23,4% da inizio anno). In relazione ai soli pacchi nazionali, l’effetto pandemia è stato più intenso. Nel trimestre considerato (marzo-maggio) sono cresciuti del 35,3% rispetto allo stesso periodo del 2019 (+27,6% da inizio anno).

printfriendly pdf button - Telco peggio dei media durante il lockdown