Tlc. Apple: dati trimestrale positivi ma vendite iPhone in calo

apple sede - Tlc. Apple: dati trimestrale positivi ma vendite iPhone in calo

Apple spiazza tutti a Wall Street. La sera del 2 maggio alle ore 14 americane (le 23 in Italia), l’azienda di Steve Jobs scopre finalmente le carte con i dati finanziari relativi al secondo trimestre dell’anno fiscale 2017, terminato il 1 aprile.
Cifre che fanno strabuzzare gli occhi quelle dell’azienda americana con sede a Cupertino, nel cuore della Silicon Valley: utile netto pari a 11,03 mld (2,10 dollari per azione), ricavi che registrano +4,6% e arrivano a 52,90 mld e una liquidità disponibile di ben 250 mld di dollari. Già prima della diffusione dei risultati, il titolo si è dimostrato ben saldo arrivando a raggiungere una capitalizzazione di mercato pari a 776.59 mld di dollari anche se poi, con la rivelazione dei dati relativi le vendite iPhone, il valore del titolo è sceso del 2%. Difatti, le vendite degli amati iPhone hanno registrato 50,76 mln di dollari contro i 51,19 dell’anno scorso (-1% rispetto lo stesso periodo del 2016) e, soprattutto, in netto contrasto con i 52,27 mln previsti dagli analisti. Grande delusione, dunque, sotto questo aspetto ma aria di positività per tutto il resto: i ricavi fanno un balzo in avanti grazie al 17,5% registrato nel business dei servizi (che include App Store, Apple Pay e iCloud) per ben 7,04 mld di dollari. E che dire dell’incredibile tesoro a disposizione dell’azienda con a capo Tim Cook (CEO Apple): 250 mld di dollari con cui forse Apple potrebbe pensare di metter le mani su Netflix, Tesla (il costruttore di macchine elettriche) o Disney per ampliare il suo potere. Secondo Citigroup (la più grande azienda di servizi finanziari del mondo), infatti, Apple potrebbe mirare a Netflix con una probabilità di acquisizione del 40%, Disney con il 25% e la Tesla con il 5% (le percentuali sono state elaborate dagli analisti di Citigroup prendendo in considerazione cinque fattori quali il fattore strategico, l’impatto su scala globale, la dimensione della transazione, gli asset non strategici e l’effetto positivo sul valore azionario di Apple). Nel frattempo, si attende il trasferimento del personale Apple nella nuova sede aziendale, vicino alla sede storica situata a Cupertino. “Campus 2”, così viene chiamata la sede, ha le sembianze di un grande disco volante interamente coperto di vetri e sormontato da pannelli solari (dato il grande interesse per ridurre al minimo l’impatto ambientale), il cui protagonista è proprio il paesaggio naturalistico che circonda esternamente e al centro l’intero edificio. Al suo interno: gli uffici per i dipendenti, un parcheggio sotterraneo, caffetterie, palestre e un centro di ricerca segreto per i futuri prodotti del marchio. Tuttavia, per ora, Apple sembra star bene presso casa Wall Street dove, nella giornata di ieri 8 maggio, il titolo azionario ha raggiunto una capitalizzazione di mercato di ben 800 mld di dollari, superando i colossi Alphabet (Google) con 657 mld, Microsoft con 530 mld e Amazon con 450 mld. Questo grazie anche a Warren Buffett (il guru della finanza) che, nel corso dell’assemblea con gli azionisti, ha dichiarato di provare una profonda ammirazione per le aziende Apple, Amazon e Google. (L.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tlc. Apple: dati trimestrale positivi ma vendite iPhone in calo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL