Tlc, banda larga. Romani si sente tradito dagli operatori. Civati (PD): sbaglia a prendersela con Agenda Digitale

”Sbaglia Romani a prendersela con chi ha sottoscritto l’Agenda digitale, l’appello su internet affinche’ l’Italia colmi il grave divario tecnologico sulle nuove tecnologie e la diffusione di internet veloce anche attraverso lo sviluppo della banda larga".

"Il ministro di Berlusconi dovrebbe prendere anche queste importanti manifestazioni come utile stimolo per fare molto di piu’ rispetto a quanto sta facendo il governo per colmare un divario non piu’ accettabile tra l’Italia e le principali economie europee e mondiali”. Lo dichiara Giuseppe Civati, responsabile nazionale del Forum Pd Nuovi linguaggi e nuove culture e consigliere regionale lombardo, commentando le dichiarazioni del capo di gabinetto del ministero dello Sviluppo economico, secondo cui Romani non ha gradito l’adesione all’appello da parte di professionisti e operatori del settore delle telecomunicazioni. ‘‘Romani – continua Civati – non puo’ nascondere, nonostante gli annunci di piani e fondi, il grave ritardo del governo. Alle prese con un federalismo che non puo’ funzionare e le telefonate in questura, il governo Berlusconi non si rende conto che il futuro non riguarda solo le presunte nipotine di Mubarak e le giovani amiche del premier ma dovrebbe riguardare qualche milione di persone. Ma forse – conclude l’esponente Pd – il premier e’ preoccupato dall’idea che qualcuno si possa organizzare, liberamente, per indicare le cose da fare. Magari in dissenso con quello che il governo non sta facendo”. (ASCA)
printfriendly pdf button - Tlc, banda larga. Romani si sente tradito dagli operatori. Civati (PD): sbaglia a prendersela con Agenda Digitale