Home Varie Tlc. Gli americani scommettono sul 5G italiano. A Searchlight Capital Partners il...

Tlc. Gli americani scommettono sul 5G italiano. A Searchlight Capital Partners il 49% di Eolo

SHARE

Eolo, il principale operatore in Italia nel fixed-wireless ultra-broadband per i segmenti business e residenziale ha annunciato ieri che i fondi gestiti dal private equity globale, con core sulle tlc, Searchlight Capital Partners hanno finalizzato un significativo investimento nell’azienda per sostenere i suoi piani di sviluppo.
Il fondatore (nel 1999) Luca Spada rimarrà come ceo ed azionista significativo nella società con sede a Busto Arsizio (Va). Infatti Spada ed Elmec Group continueranno a detenere il 51%. Come spiegano le parti, il ricavato dell’operazione finanzierà la crescita dell’azienda che ha già pianificato investimenti per circa 300 milioni di euro nel periodo 2018-2020 (che si sommano ai 200 milioni di euro che Eolo ha investito negli ultimi anni per la realizzazione della propria infrastruttura).5 tecnologia - Tlc. Gli americani scommettono sul 5G italiano. A Searchlight Capital Partners il 49% di EoloL’intento è quello di realizzare la prima infrastruttura ultra-broadband fixed-wireless a 100 Mega dedicata alle province italiane, basata su tecnologie di derivazione 5G. La nuova rete permetterà a oltre 7 milioni di famiglie e imprese in Italia che soffrono un forte speed divide di avere accesso a internet in banda ultralarga.
Eolo, che è la rete fixed-wireless più estesa in Italia e una delle principali nel mondo, ha oltre 300 mila clienti in più di 5.200 Comuni (spesso con meno di 20.000 abitanti) di 13 regioni italiane (Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Umbria, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto).

Nell’esercizio fiscale che si chiuderà il prossimo 31 marzo 2018, Eolo registrerà ricavi superiori a 100 milioni di euro, in crescita del 33% rispetto al precedente esercizio. Fin dal 2014 la società ha registrato ricavi e margini in crescita del 30% ogni anno. “Il nostro modello di business ha raccolto negli anni l’interesse di molti investitori e siamo felici di intraprendere un percorso di sviluppo con Searchlight, che ha una consolidata esperienza e un solido network nella nostra industry e con cui condividiamo una comune visione sullo sviluppo del nostro business“, ha dichiarato Spada.

“La nostra missione”, ha aggiunto il presidente e ceo di Eolo, “si basa sulla convinzione che le bande di frequenza a 26 e 28 GHz e il fixed wireless access siano strategici per servire i clienti con la tecnologia a 100 Mega“. La decisione di Searchlight di investire in Eolo conferma il grande valore che l’azienda ha costruito negli anni. “Non vediamo l’ora di poter lavorare in partnership con Luca Spada e il suo team per portare soluzioni a banda ultralarga innovative e ridurre il digital divide in Italia“, ha affermato, invece, Oliver Haarmann, co-fondatore di Searchlight. (E.G. per NL)