Tv. Cola a picco il progetto espansionistico di Bolloré

Torna nel cassetto, almeno per il momento, il piano di Vincent Bolloré di trasformare la sua Vivendi in una media company che abbracci tutto il territorio europeo.

Le ragioni sono le molteplici difficoltà finanziarie che hanno investito il gruppo bretone in questi giorni: prima fra tutte, la vera e propria guerra che va avanti a colpi di comunicati stampa con Mediaset, che i transalpini accusano di aver abbellito anche troppo i conti di Premium prima di venderla. Dal canto loro, a Cologno, la posizione sembra netta: il contratto è stato firmato e deve essere rispettato, manifestando anche la volontà di trascinare Vivendi in tribunale. Non sembra proprio, insomma, che ci sia spazio per una riconciliazione, soprattutto dopo la recente decisione di Vivendi di ricorrere ai legali di Clearly Gottlieb. Se in Italia la situazione è diventata un vero e proprio campo minato, in Germania, uno degli altri paesi nel mirino del progetto di Bolloré, le cose non vanno affatto meglio; Watchever, la piattaforma OTT tedesca di Vivendi, è prossima alla chiusura annunciata dallo stesso Bolloré a causa dei pessimi risultati operativi, di fatto cedendo il passo a Sky che si prepara a lanciare il suo di servizio OTT teutonico, Sky Ticket. Infine, c’è il paese natale, la Francia, ed anche qui è Sky che viene a rompere le uova nel paniere di Vivendi; mentre i francesi soffrono la pessima situazione finanziaria della loro pay tv Canal+ (che ora non potrà più godere dell’apporto contenutistico, anche se effimero, di Premium), il gruppo di Rupert Murdoch investe nella start-up francese Molotov, che si occupa di tv in streaming, mossa che in molti hanno visto come un probabile tentato colpo di grazia alle mire espansionistiche di Vivendi. (E.V. per NL)
printfriendly pdf button - Tv. Cola a picco il progetto espansionistico di Bolloré