Tv digitale: la guerra dei contenuti

La trattativa tra RAI e SKY per il rinnovo della veicolazione dei programmi della concessionaria pubblica sulla piattaforma sat di Murdoch è sintomatica di come si siano già separati i nuovi ruoli di fornitore di contenuti ed operatore di rete. Che succederà agli abbonamenti della pay tv di Murdoch se RAI non rinnoverà il contratto? E che succederà agli ascolti di Viale Mazzini?

Diminuiranno gli attuali 5 milioni di abbonamenti a SKY o i telespettatori RAI? O entrambi, con grande gioia di Mediaset? La sensazione è che nessuna delle parti sia in grado di stimarlo concretamente. Così, nell’incertezza, si preferisce rimandare la decisione. La vera verità, tuttavia, è che in questo momento nessuno sa quanto peserà la diffusione satellitare rispetto a quella digitale terrestre nel prossimo quinquennio. Tanto meno quel Biscione che sibila di fantastici numeri digitali terrestri. Salvo poi correre in tutta fretta ad allestire una piattaforma satellitare alternativa.
 
printfriendly pdf button - Tv digitale: la guerra dei contenuti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv digitale: la guerra dei contenuti

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO