Tv. Il neomelodico: un genere che dagli anni ’80 non perde di appeal tra il pubblico

neomelodico

Il neomelodico da sempre è un genere musicale che riscuote successo tra i giovanissimi dei quartieri popolari delle città. Dagli anni ’80 in poi il neomelodico è però un vero genere televisivo che ha decretato sempre più consensi. Appena un anno fa, il programma Reality Show di Enrico Lucci, su Rai2, ha portato alla ribalta nazionale questo vero e proprio fenomeno in una puntata che ha destato l’attenzione nazionale sull’argomento, che negli anni ha avuto una dimensione regionalistica, specie nel regno delle due Sicilie.

neomelodico 5 - Tv. Il neomelodico: un genere che dagli anni '80 non perde di appeal tra il pubblicoIl conduttore buono

Lucci con il suo fare da conduttore “buono”, ma allo stesso tempo graffiante, ha acceso le luci su questa realtà, ospitando personaggi emergenti del settore. Al netto delle polemiche, il programma ha comunque avuto un ottimo riscontro di ascolti e anche di critica.
In verità, già negli anni ’90 con Mai Dire Tv, la Gialappa’s Band su Italia Uno aveva messo la lente d’ingradimento sul mondo dei neomolodici che imperavano nelle tv locali come il cantante Angelo Cavallaro su Antenna Sud di Bari.

Gialappa’s band promotrice del neomelodico

La Gialappa’s, a dire il vero, ha dato spazio oltre ai neomelodici a cantanti che erano dei veri personaggi e parodie viventi come Gianni Drudi con il tormentone “Fiki Fiki”, che andava in Onda su Telemare, emittente locale romagnola.

neomelodico 3 - Tv. Il neomelodico: un genere che dagli anni '80 non perde di appeal tra il pubblicoSicilia e Campania regioni fertili

Da sempre la Campania e la Sicilia sono state le principali regioni in cui il settore dei cantanti neomelodici ha trovato terreno fertile in emittenti locali che con il tempo sono divenuti canali tematici.
Mario Merola prima, e poi Nino D‘Angelo, Gigi D’Alessio, Sal Da Vinci, Tony Colombo, Natale Galletta, Gianni Celeste, sono solo alcuni dei nomi che hanno fatto conoscere il settore neomelodico, aprendo la strada televisiva ai “musicarelli”, film del genere, che si sono poi evoluti in videoclip musicali. Il business girava una volta attraverso la vendita delle musicassette, dei cd e ora dei brani sulle principali applicazioni di distribuzione di musica.

I canali più in voga

Oggi i canali neomelodici più in voga sono Tv Campane sul Canale 645, Napoli Mia Canale 641, Italia mia Canale 274, Campania Tv Canale 606,
Sulle reti si intrecciano a ritmo di musica storie di amore e tentativi di riscatto sociale. Il filone, oltre a quello della messa in onda di videoclip, è quello di trasmissioni dedicate alle esibizioni live o alle telefonate in diretta in cui si approfitta, sin dai tempi in cui i social non esistevano, di fare arrivare la voce a parenti “lontani da casa”.

In Sicilia

In Sicilia orientale negli anni ’90 la tv che dopo aver dato spazio ai matrimoni, si era specializzata nel settore neomelodico era Tele D. del Gruppo Di Fazio. L’emittente, attraverso la messa in onda e talvolta anche producendoli, metteva in onda nella sua programmazione giornaliera video clip a rotazione. Si ricordano ancora cantanti come Angelo Mauro o il cantante Domenico Marchese, accompagnato dall’indimenticabile ballerino Jessi Malò, ripreso più volte dalla Gialappa’s per le sue leggendarie perfomance dance.

Nei 2000

Negli anni 2000 lo scettro sui neomelodici è passato poi alle emittenti Telecolor-Catania con apposite trasmissione condotte dal cantante Martino e a Tele Marte Siracusa con le trasmissioni di Francesco Zerbo. Anche Rei Tv di Acireale nel suo passato ha ospitato i neomelodici e su tutti ad imperare è stato Stefano Rio con il successo di “Gioie Papà” cantata in coppia insieme al figlio, l’allora piccolo Anthony.

Altre esperienze

E se oggi nel frattempo Anthony Rio è diventato un uomo, anche il clichè d’ascolto è cresciuto e oggi Stefano e Anthony imperversano sull’emittente regionale Azzurra Tv sul 194 del digitale terrestre, che sembra ormai prendere i caratteri di rete specializzata nel neomelodico, grazie ad una partneship con la nota casa musicale Sea-Music che ha fatto diventare la rete anche Sea-Tv. Sul canale 814, invece, è Bella Tv come evoluzione di Bella Radio a detenere lo scettro di rete neomelodica che vanta anche il primato di avere acquistato, grazie probabilmente anche ai proventi del settore, i diritti tv per qualche stagione del Calcio Catania. (C.A. per NL)

printfriendly pdf button - Tv. Il neomelodico: un genere che dagli anni '80 non perde di appeal tra il pubblico