Tv locali, crisi economica: decine di emittenti ricorrono alla cassa integrazione

In Italia nei primi sei mesi del 2012 la cassa integrazione totale e’ cresciuta del 3,2% rispetto allo stesso periodo del 2011, così anche quella ordinaria.

La cassa integrazione straordinaria e’ diminuita del 16,4% in totale e del 21,6% nell’Industria; al contrario e’ aumentata del 44,3% nell’Edilizia e del 72,2% nel Commercio. Da segnalare, infine, la crescita del 2,4% della cassa integrazione guadagni in deroga. Nello specifico comparto delle Tv locali lo strumento della cassa integrazione è ormai all’ordine del giorno nella quasi totalità delle regioni italiane. In Piemonte ne hanno fatto impiego: Tele Subalpina, Telestudio, Videogruppo, Quintarete e Grp; in Lombardia vi hanno attinto: Telereporter, Telecampione, Telelombardia; nel Friuli Venezia Giulia: Free Tv, Antenna 3 Nord Est, 7 News, Ada Channel; in Sicilia: Telenova, Teleiblea, Videouno; in Liguria: Telegenova; in Emilia Romagna: Etv; in Toscana: Italia 7, Ottotoscana, Rete 37, Noi Tv, Teteversilia, Teleriviera, Teletirreno; in Sardegna: Sardegna 1, Nova tv; in Puglia: Telenorba, Antenna Sud, Telesveva, Teleregione; in Abruzzo: Tv6. (R.R. per NL)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
printfriendly pdf button - Tv locali, crisi economica: decine di emittenti ricorrono alla cassa integrazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv locali, crisi economica: decine di emittenti ricorrono alla cassa integrazione

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO