Home News Ticker Tv Tv locali. Emilia-Romagna: parte ER24, canale Tv su sat e Dtt annunciato...

Tv locali. Emilia-Romagna: parte ER24, canale Tv su sat e Dtt annunciato mesi fa che fornira’ informazione dalle citta’ della regione. Dentro anche Telestense

SHARE
ER24

Di ER24 questo periodico si era occupato fin dalla fine dell’anno scorso, annunciando che dal 3 dicembre il canale satellitare della Tv modenese Trc (Trc Sat) aveva cambiato numerazione su Sky, passando dalla 827 alla molto più ‘interessante’ 518, e aveva anche cambiato denominazione, assumendo proprio quella di ER24. Però solo adesso, alla vigilia di Pasqua e dunque dopo circa quattro mesi, è scomparsa su ER24 la preoccupante scritta ‘in arrivo’ e le trasmissioni sono ufficialmente iniziate, con tanto di presentazione ufficiale nella sede del ‘parco alimentare’ Fico di Bologna, quello che sta cercando di lanciarsi definitivamente a sua volta con un’intensa campagna pubblicitaria.

ER24 è così ora definitivamente attivo, sia sul satellite come semplice canale free che alla citata numerazione 518 di Sky e anche di Tivùsat che anche in DTT nella sua regione, alla numerazione Lcn 215. Avrà come ‘compito istituzionale’ quello di fornire un’informazione intensa e capillare dalle città dell’Emilia-Romagna e per questo si avvarrà dei Telegiornali e delle trasmissioni di approfondimento di alcune importanti emittenti di tutta la regione. La dimensione regionale sarà molto più effettiva, per capirci, di quella della Tgr Rai e verrà valorizzata con un progetto inedito da queste parti (e non solo) ma al tempo stesso sempre più perseguito in questo periodo, come dimostra il quasi ‘paralello’ progetto del Tg Veneto, ovvero un vero Tg regionale di tutto il Veneto che va in onda in Dtt grazie alle varie emittenti coinvolte in quella regione e sul canale satellitare Sky 832, quello di Tva Vicenza, come abbiamo a suo tempo ugualmente riferito.

Ma torniamo a ER24 e proviamo a fare un po’ d’ordine. A promuovere il canale è stato soprattutto il gruppo televisivo emiliano Tr Media, che fa capo alla mega-società cooperativa Alleanza 3.0 (cooperative di consumo a marchio Coop) e comprende Trc di Modena e Bologna e la storica Tv reggiana Telereggio, oltre a svolgere intense attività come operatore di rete. Tr Media ha anche raggiunto un accordo con Tv Parma portando la nuova emittente unica 12 Tv Parma sull’omonima numerazione emiliana e in Romagna ha partecipato direttamente alla creazione dell’emittente tutta informazione TR24, legata a Teleromagna di Cesena.
C’erano insomma le premesse per creare qualcosa di ‘ulteriore’ ed ecco che è stato concepito il progetto regionale ER24, basato appunto sull’informazione da tutta l’Emilia-Romagna, che ha però avuto, evidentemente, una gestazione un pochino lunga.

Venerdì scorso 12 aprile però c’è stata la presentazione a Fico ed è stata illustrata l’offerta al pubblico italiano e anche internazionale (grazie al satellite), che sarà costituita da un canale all news con 16 edizioni di tg locali, 45 produzioni e format originali, informazioni e contenuti aggiornati dalle 7 alle 24, quattro edizioni dedicate a sport e economia. Le redazioni (e le emittenti) saranno sei e saranno attive a Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Cesena e anche a Ferrara, perché in queste settimane al progetto si è aggiunta Telestense, la nota e seguita emittente della città emiliana. Dall’iniziativa, insomma, sembra restare fuori, almeno per adesso, la sola Piacenza, città emiliana ma decisamente ‘di confine’.
Dopo la rassegna stampa mattutina, il nuovo canale manderà in onda per l’intera giornata e nella serata i telegiornali delle varie emittenti locali coinvolte, alternati ad altri contenuti informativi, che saranno visibili in Emilia-Romagna, in Italia e in tutta Europa, oltre che nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. L’impegnativo obiettivo è di diffondere sempre news e informazione, senza che per questo ci siano in onda delle repliche.

Sul palco di Fico ha aperto i lavori Edwin Ferrari, presidente di Tr Media, che ha avuto il pregio di essere realista: “Il nostro settore è in crisi, noi siamo qui non perché siamo ricchi ma probabilmente stiamo collaborando perché siamo in difficoltà. Da un punto di vista di ricavi pubblicitari, certo, e anche perché, a differenza di quanto accade in altri Paesi, in Italia gli investimenti per l’editoria fatta da giornalisti non sono molto sostenuti. Siamo indietro rispetto a Spagna, Germania e Inghilterra, per esempio”.
Tuttavia, “c’è da parte nostra una funzione di servizio pubblico diretto sull’Emilia-Romagna, considerando anche le zone del digitale terrestre che verranno penalizzate dalla prossima riforma, con il nuovo piano delle frequenze”.

Questo progetto – ha detto invece l’assessore regionale alle Attività Produttive Palma Costi – è una bella cartolina per l’Emilia-Romagna ma anche un elemento di democrazia e di crescita culturale, che noi riteniamo parte integrante dell’informazione. Io sono anche l’assessore alle Crisi ed è vero che l’editoria ha dei problemi: la aiuteremo, perché non possiamo assolutamente perdere un valore aggiunto del nostro territorio, che si deve mantenere e naturalmente evolvere”.
Il direttore responsabile di ER24 Ettore Tazzioli è apparso soddisfatto: “È una collaborazione che vantano poche altre regioni. Ora c’è da fare molto lavoro e oggi diamo il via a questo lavoro. Vogliamo riuscire a raccontare una regione eccezionale e una ‘locomotiva d’Italia’, che però forse non è altrettanto brava a promuoversi”.
Una delle cose più interessanti è la citata nuova partecipazione di Telestense, che è un po’ la punta di diamante del ‘gruppo Bighinati’, con base anche a Bologna, che non ha certo avuto altrettanta fortuna con la storica Telesanterno (da tempo in difficoltà e con pesanti arretrati nei pagamenti, che hanno originato una serie di scioperi) e con Telecentro.
“Telestense partecipa al progetto ER24 con il ‘Tv giornale della sera’, vale a dire l’edizione principale dei nostri Tg, che andrà in onda alle 22.30 sul canale 518 di Sky e Tivusat” – ha scritto l’emittente ferrarese sul proprio sito. La Tv estense, “accettando il progetto lanciato da Tr Media, ritiene che questa iniziativa abbia aperto una nuova stagione nella comunicazione televisiva locale, che con il canale satellitare, mentre crea una vera Tv all news regionale, mostrerà anche a chi è lontano dai tradizionali bacini di ascolto delle emittenti la vita quotidiana, istituzionale, culturale, sportiva e sociale delle principali città capoluogo dell’Emilia-Romagna, con i rispettivi territori provinciali”.

La presentazione a Fico ha avuto poi un simpatico seguito con una breve tavola rotonda, moderata da Tazzioli, cui sono intervenuti i direttori delle sei testate televisive coinvolte nel progetto: Ludovico Luongo per TR24; Marco Rossi per Trc Bologna; Francesco Galli per Trc Modena; Gabriele Franzini per Telereggio; Claudio Rinaldi per 12 Tv Parma; Dalia Bighinati per Telestense.
Chiudiamo segnalando che, a seguito dell’altra novità delle ultime settimane in Emilia-Romagna, ovvero la scomparsa di Nuova Rete a favore della ‘versione televisiva’ di Radio Italia Anni 60, c’è stata ora un’altra interessante ‘evoluzione’: Anni 60 Tv è passata infatti dal canale 110 già di Nuova Rete al 78 già di Canale 78 (sono movimenti interni al gruppo regionale di 7 Gold), mentre sul 110 si è installata (nonostante la denominazione, a questo punto ‘illogica’) Canale 78 Nuovarete, su cui ci sono in prevalenza trasmissioni a carattere commerciale. (M.R. per NL)