UE. Pirati della rete a rischio carcere. Sanzioni penali per chi scarica materiale protetto da diritto autore

Il 22 settembre il Parlamento Europeo ha approvato, con 328 sì, 245 no e 81 astenuti, una risoluzione con cui invita la Commissione Europea a rivedere, in chiave restrittiva, la direttiva 48/2004 sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

L’intento dell’organo europeo è chiaro: “il Parlamento ritiene che vada creata la possibilità di procedere contro chi viola i diritti di proprietà intellettuale in un quadro giuridico europeo”. Si auspica, in definitiva, una linea dura contro i pirati informatici, ivi compresa la possibilità di sanzioni penali e senza distinguere tra coloro che caricano contenuti illegali in rete al fine di guadagnarci, e chi invece li scarica soltanto per uso personale. Possibilità invece esclusa della direttiva sopra citata, nelle cui premesse si legge che le misure volte alla protezione del diritto d’autore “siano applicate unicamente ad atti commessi su scala commerciale” intendendosi per tali “gli atti effettuati per ottenere vantaggi economici o commerciali diretti o indiretti, con l’esclusione di norma degli atti effettuati dai consumatori finali in buona fede”. La risoluzione, che segna un giro di vite per il popolo di internet e l’usi che si può fare dei contenuti ivi presenti, è stata elaborata da un membro dal partito politico presieduto dal premier francese Sarkosy, l’UMP, che già ha adottato la medesima linea anno – all’epoca paradossalmente censurata dello stesso Parlamento Europeo – in protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Secondo i fautori di tale inasprimento la pericolosità della pirateria online risiederebbe anche a livello anche economico causando danni non solo agli artisti, ma anche alle industrie creative e ai dipendenti stessi. Coloro che hanno espresso voto negativo invece sostengono che potrebbe venir leso il diritto fondamentale all’informazione e all’accesso alla cultura. (M.C. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - UE. Pirati della rete a rischio carcere. Sanzioni penali per chi scarica materiale protetto da diritto autore

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL