Web & informazione. Galimberti (OdG): attività redazionale di influencer e blogger non iscritti ad Albo giornalisti penalmente rilevante

influencer, blogger

Influencer e blogger se svolgono attività tipica dei giornalisti (cioè redazionale) rischiano imputazione per esercizio abusivo della professione (art. 348 Codice Penale). Lo ha affermato il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, Galimberti.
“Il rapporto di lealtà con il lettore, prima ancora che il rispetto sostanziale della legge, impedisce la sostituzione clandestina di giornalisti con figure diverse e funzionali a meri progetti di marketing. E il direttore di testata che avalla tali piani ha una piena responsabilità etica, deontologica e giuridica, che condivide con il direttore editoriale”.

È questo il richiamo pronunciato dal presidente dell’Ordine dei giornalisti lombardi, Alessandro Galimberti, nei confronti di Luca Dini, giornalista professionista e direttore editoriale di Condé Nast, convocato nella sede dell’Ordine in via Antonio da Recanate, dopo una serie di segnalazioni di lamentate irregolarità nell’assegnazione e nella turnazione di ruoli giornalistici all’interno del gruppo editoriale.
Il presidente Galimberti ha richiamato Dini al rispetto della legge professionale, che impone l’assegnazione della direzione di testate a giornalisti iscritti all’Albo, anche e soprattutto se si tratta della trasposizione online di note e prestigiose testate cartacee, con le quali il lettore ha sviluppato un lungo e collaudato rapporto di fiducia.

Ma ugualmente censurabile, secondo il presidente dell’Ordine lombardo, e per gli stessi motivi, è la nascente prassi di sostituire ruoli giornalistici in redazione con nuove figure, del tutto prive di formazione professionale sui temi – tra gli altri – della separazione tra pubblicità e informazione (art 10 Testo unico dei doveri del giornalista e art. 44 Cnlg) e della deontologia, contribuendo in tal modo a una mercatizzazione del tutto deregolamentata di settori dell’informazione tutt’altro che irrilevanti per le questioni trattate. Non da ultimo il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha ricordato al direttore editoriale di Condé Nast che affidare compiti redazionali con attività giornalistica a blogger e influencer non iscritti all’Albo profila un’ipotesi di esercizio abusivo della professione (art 45 Legge 69/63 istitutiva dell’Ordine e art. 348 del codice penale). (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Web & informazione. Galimberti (OdG): attività redazionale di influencer e blogger non iscritti ad Albo giornalisti penalmente rilevante

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL