YouTube lancia Citizen News, un canale dedicato ai neo-reporter amatoriali

Il nuovo canale permette di realizzare servizi giornalistici senza censura e condividerli con gli altri utenti


YouTube lancia un nuovo canale dedicato al citizen journalism, chiamato Citizen News. Questo canale, visionabile al sito http://youtube.com/citizenews, dà l’opportunità a qualunque internauta particolarmente “interattivo” di far conoscere le proprie notizie in tutto il mondo. Si tratterà infatti di un contenitore di video amatoriali relativi a fatti e notizie che chiunque potrà realizzare e condividere con altri utenti. Questo nuovo modo di fare giornalismo, il cosiddetto giornalismo dal basso, caratterizzato per lo più dalla non professionalità, si sta sviluppando in rete grazie alla semplicità con la quale si possono condividere informazioni scegliendo le notizie secondo criteri diversi dalle agenzie di stampa. Infatti, è la totale autonomia dell’utente l’elemento caratterizzante il nuovo canale. I servizi giornalistici realizzati non subiranno nessuna censura. Ogni nuovo reporter potrà esprimersi come crede. L’unica limitazione presente è quella relativa al copyright. Nel video di presentazione, Olivia Ma, News Manager di YouTube, fornisce esempi sul tipo di materiale che lo staff del portale sta cercando che, a quanto pare, può includere ogni cosa: dalle ricerche nelle università ai reportage sulle realtà locali. Questo canale si pone in competizione con l’americana Current Tv, il progetto realizzato da Al Gore, che da poco trasmette in Italia e che utilizza i contenuti inviati dagli utenti trasmettendoli attraverso un canale Sky. Gli elaborati potranno anche essere votati sul sito Internet della Web Tv. La stessa strada è stata seguita in tempi recenti anche da emittenti come la CNN, che ha sperimentato Report, o come la BBC, che ha promosso YourNews. A queste si aggiungono Yahoo e Reuters che hanno elaborato You Witness News. (Sara Fabiani per NL)

printfriendly pdf button - YouTube lancia Citizen News, un canale dedicato ai neo-reporter amatoriali