Home Radio e TV Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio...

Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana

CONDIVIDI

Venticinque anni fa a Trieste nasceva un’emittente che avrebbe lasciato il segno tra gli operatori della radiofonia friulana e del Nord-Est in generale.
Sono innumerevoli le esperienze di radio locali italiane che hanno contribuito a formare la radiofonia “adulta”, quella che ha fatto (o dovrebbe aver fatto) tesoro delle sperimentazioni ardite, soprattutto del periodo 1980/1985, allorquando, superata la fase pioneristica, l’emittenza privata cominciava a organizzarsi e testare concretamente il terreno sul piano editoriale e commerciale.regia automatica Azeta1 - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italianaNel piccolo Friuli tante sono state le radio che, fuori dal coro, hanno tentato esperimenti singolari di programmazione, con specializzazioni ante litteram o con palinsesti altamente originali.
Lì, per esempio, ha avuto origine il fenomeno TOP 40 di Italia Network, la stazione di cui è diretta erede l’attuale Virgin Radio (che comunque con la radio d’origine ha perso ogni collegamento, fuor che giuridico), probabilmente tra le maxiemittenti (nel 1985 già era diffusa in diverse regioni italiane, anche del sud Italia) più originali che il panorama radiofonico nostrano offriva. Ma in quella terra, nel 1982, in un piccolo locale in Via Lovisato a Trieste, nasce, sui 105,2 MHz (poi integrati dai 102,6 e 103,3 MHz), anche Mare 105 Network (poi più semplicemente Mare Network).
Radio Scarpandibus studio - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italianaRicorda sul suo blog il giornalista della RAI di Trieste, Mitja Jankovic, collaboratore dell’emittente nel 1983: “La gioia di fare e creare una radio era immensa. Ben presto, vista anche la scarsa qualità delle emittenti allora presenti nell’etere cittadino, Radio Mare iniziò a scalare le classifiche di ascolto e preferenza. Arrivarono i primi contatti pubblicitari, che con il tempo aumentarono in maniera tale da dover chiedere ai clienti di pazientare per poter essere messi in onda. Bei tempi, quando si prendeva il microfono in mano e con poche parole e la giusta musica si riusciva a scatenare le passioni e gli umori di chi ti ascoltava.
Io allora lavoravo già presso la Rai di Trieste come dj e con altri compiti organizzativi, ma il paragone non reggeva. Istituzionalizzato e inquadrato il primo, fantasioso e sregolato il secondo.Radio Mare Network studio 300x238 - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana In verità il mio passaggio in Rai si è fatto sentire, perchè da allora molte cose sono cambiate a seguito delle mie idee e delle mie trasmissioni. Non per vantarmi, ma nemmeno per sminuirmi, c’è stata una Rai (parlo della sede locale di Trieste) prima di me, ed una dopo di me che ancora oggi prosegue con la trasmissione e lo stile che mi ero inventato all’epoca. Diciamo che avevo tentato di portare un pò di anarchia (costruttiva) all’interno di quel grigiume, ed almeno in parte ci sono riuscito. Radio Mare invece… beh Radio Mare era la passione, il divertimento disincantato, il cazzeggiamento puro, senza illusioni e preconcetti. Io sono arrivato dopo un anno circa. Ore ed ore davanti al microfono per riempire la giornata (dalla 8 della mattina alle 20 di sera) con tre sole voci, ma ci divertivamo lo stesso e riuscivamo a far divertire chi ci ascoltava. Qualche giorno dopo il mio arrivo si aggiunsero nuovi dj che fecero decollare definitivamente Radio Mare. Con l’arrivo di Roberto Russo, Marino Covelli ed Enzo Gianforte il salto fu notevole, poi arrivarono Paolo Zippo ed altri ancora, ma ma il nucleo storico era formato”.Radio Scarpantibus 1 - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana
Presto Mare Network si impone non solo nell’etere del capoluogo friulano, ma anche, attraverso una buona rete di diffusione, in tutta la regione (in quel periodo viene tentata, senza particolare convinzione e successo, anche l’avventura tv col marchio Tele Mare, quale evoluzione della tv locale di Monfalcone Tele GSG – Gestione Servizi Generali, diretta da Roberto Deluisa).Radio Mare Network regia 300x203 - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana
Cinque anni dopo Mare Network è già dimensionata come rete regionale, grazie all’acquisizione di intere stazioni o a sinergie con radio in altre province, dove viene splittata regolarmente la pubblicità. E’ il caso di Pordenone, dove nella seconda metà degli anni ’80 è collegata Punto Radio Naif (100,5 MHz); oppure di Gorizia, città dove Mare Network succede a L’Altra Radio (in area Mare Network è diffusa su 105,2 MHz, 102,6 MHz, 102,0 MHz). Oppure ancora di Udine, provincia nella quale viene stretta una importante collaborazione con il gruppo imprenditoriale cui fanno riferimento la storica Radio Tv Stereo Scarpandibus (ex Radio Codroipo, in onda dal 1977 su 90,2 MHz, 103,7 MHz, 104,0 MHz e 94,4 MHz e su UHF 48 quale spin-off della discoteca Scarpandibus di Codroipo, successivamente ridenominata Radio Sesto Continente al variare del logo del locale), Radio San Daniele e Radio Rinascita (la collaborazione si interromperà però a fine 1988) ed è acquistata Rete Europa (ex Radio Statale 13), dotata delle ottime frequenze 93,850 MHz e 100,200 MHz (frequenza che nel 1985 sarà ceduta a Radio Palazzo Carli di Vittorio Veneto). radio mare network locandina - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italianaComplessivamente Mare network, sul finire degli anni ’80, cioè nel periodo di massima espansione, illumina tutto il Friuli Venezia Giulia (compresa la zona di Tarvisio e la Carnia, aree tecnicamente piuttosto ardue da raggiungere), il Veneto orientale e parte della Jugoslavia (fino a Lubiana). La frequenza principale, affiancata da diffusori locali, è la 102,6 MHz. Il quel momento Mare Network è un raffinato e dinamico laboratorio dove sperimentare tecniche comunicative all’avanguardia, con jingles e spot pubblicitari inusuali (qui uno spezzone di trasmissioni). Rete Europa - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana
Ancora Mitja Jankovic: “Radio Mare divenne una vera forza anche grazie alle sperimentazioni rivoluzionarie per l’epoca, forse anche troppo rivoluzionarie visto che alcune perle della radio sono rimaste chiuse fra le quattro mura degli studi e mai videro l’etero. Pubblicità tanto avanti che tra di noi ridevamo a crepapelle al solo sentirle, ma che lasciavano quasi indifferenti, per non dire stizziti i clienti, abituati com’erano alla quadrata monotonia delle pubblicità radiofoniche dell’epoca”. Voci che ben possono essere considerate di spessore nazionale occupano un palinsesto che nulla ha da temere, in quanto a concorrenza, da emittenti di alto lignaggio che già si sono consolidate in zona, come la milanese Rete 105. La sede della stazione subisce nel frattempo numerosi spostamenti: da via Lovisato a Trieste, è trasferita nella frazione Prosecco, per poi passare a Duino (Ts) in Via della Stazione 4 (sopra il Bowling), per collocarsi infine a Monfalcone. Nel 1988 la stazione cambia gestione passando sotto il controllo di uno degli storici speaker, Roberto Russo, che ne diviene titolare insieme a Gabriella Veronese.

L’emittente triestina è molto attiva non solo nella cura del palinsesto, ma anche nella promozione esterna, con un’intensa attività promozionale attuata grazie alla disponibilità di un furgone mobile che presidia manifestazioni e fiere e supporta le numerose serate presso le discoteche del Friuli, organizzate dalla società Animation, collegata alla radio. Molto forte sul piano commerciale (il comparto è diretto da Roby Quala), la stazione contende nel 1987 in molte aree il primato d’ascolto alla rampante Italia Network. Ma, come tutte le belle avventure, anche quella di Mare Network si conclude con la rapidità con cui aveva scalato il successo.Radio Mare Network ponte 300x168 - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana
Dopo un periodo di progressivo appannamento, determinato dal consolidamento in Friuli delle reti nazionali, che mettono sotto scacco le radio regionali sottraendo ascolti e risorse economiche splittando la pubblicità locale, la radio comincia ad accusare problemi organizzativi, tecnici e di audience. La strada verso la chiusura pare inevitabile ed infatti Mare Network termina il suo percorso nel 1994, confluendo nel progetto padovano Radio Company, in cerca di uno sbocco importante in Friuli Venezia Giulia. Una testimonianza della perspicacia degli organizzatori dell’emittente e della pregnanza tecnica della stazione la troviamo su You Tube, dove è stato caricato un filmato pubblicitario di metà degli anni ’80 (a dimostrazione dell’approccio, decisamente anticipatorio dei tempi, della stazione verso gli inserzionisti), visibile qui. (M.L. per NL)

printfriendly pdf button nobg - Storia della radiotelevisione italiana: Mare Network, quando il Friuli era un laboratorio di sperimentazione della radiofonia italiana