Al-Jazeera: “non vogliamo più il monopolio sull’informazione del Medio Oriente”

Si è tenuto un forum a Doha, in Qatar, dal nome “I media e il Medio Oriente”, organizzato da Al-Jazeera, con invitate testate da tutto il mondo


Come si racconta una guerra? E’ domanda, certamente, di non facile risposta. Chi abbia o meno il diritto o il dovere di raccontare una guerra, poi, è domanda non meno scabrosa. Si è tenuto nei giorni scorsi, a Doha, in Qatar, un meeting, un dibattito, organizzato dalla rete satellitare Al-Jazeera, dal nome “I media e il Medio Oriente”. L’incontro, cui erano presenti rappresentanti di numerosi network e giornali di tutto il mondo, verteva sul discorso dell’opportunità di avere più voci che parlino e diffondano notizie riguardanti i conflitti mediorientali (e, in particolare, quello iracheno), sottraendo il monopolio ad Al-Jazeera, opportunità ventilata con maggior enfasi proprio dai vertici della tv panaraba. “Al momento, dove la necessità di un dialogo fra le parti è divenuta sempre più urgente” – ha spiegato Wadah Khanfar, direttore generale dell’emittente – “il ruolo del giornalista come catalizzatore di questo dialogo si è reso indispensabile”, sottolineando, poi, l’intenzione del suo network di “non detenere più il monopolio della verità”. Il ruolo di voce del Medio Oriente inizia a diventare un fardello troppo pesante (dato il continuo aggravarsi della situazione) per essere detenuto da un solo network, con la progressiva rarefazione, poi, delle fonti ufficiali, la proliferazione dei giornalisti embedded, la propaganda dei governi coinvolti nei conflitti e l’informazione non controllata e non controllabile, riversata ogni giorno nella rete. C’è bisogno di voci alternative, quindi, voci dal campo. E, possibilmente, non filo-governative. (Giusepep Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Al-Jazeera: “non vogliamo più il monopolio sull’informazione del Medio Oriente”

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL