Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra

Whooshkaa

Whooshkaa: piattaforma broadcast-to-podcast ad uso della radio va a… Spotify. Il colosso dello streaming on demand ha dichiarato da tempo guerra alla Radio. Target: portar via ad essa ascoltatori e inserzionisti, affamandola.
Ma la strategia del colosso di Daniel Ek è sottile, alla Quinto Fabio Massimo, il Temporeggiatore. Il condottiero e politico dell’antica Roma che, per combattere il ritenuto invincibile Annibale, si guardò bene dall’attaccare subito e direttamente il fortissimo nemico. Puntando, piuttosto, a distrarlo, sfiancarlo e snervarlo, attraverso l’adozione di iniziative inutili e dispendiose. Il tutto mentre lui, il Temporeggiatore, consolidava la propria posizione in vista di una destabilizzante azione conclusiva ed inattesa.

La tattica di Spotify

Così Spotify, da una parte, spinge i radiofonici a dotarsi di costosi brand bouquet, distraendo risorse dall’area primaria (broadcasting), che così si indebolisce e consolidando, nel mentre, la propria presenza sul mercato emergente del podcast, affine a quello radiofonico ma non sovrapposto. Prima che lo facciano i radiofonici, tutti presi a rafforzare l’offerta moltiplicandola. Insieme ai costi, ma non ai ricavi.

Il punto d’incontro tra creator, publisher e digital audio

Perciò, negli ultimi due anni, gli svedesi hanno iniziato una campagna acquisti di grandi e (soprattutto) piccole compagnie di podcast, marketplace ed engagement in giro per il mondo. Con l’obiettivo di creare una piattaforma unica di incontro ideale tra creator e publisher per il digital audio (la pubblicità digitale nell’area audio). Perché, lo ricordiamo, il podcast sta alla Radio come lo streaming video on demand (Netflix & C.) alla tv lineare.

spotify radio buyer 2 - Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra

Megaphone

L’acquisto (esattamente un anno fa) del marketplace Megaphone per 235 mln di dollari, è stata una delle più importanti operazioni per offrire ai produttori di podcast strumenti innovativi per monetizzare i contenuti. Attraverso soluzioni come Spotify Ad Studio e Spotify Audience Network (utilizzato da quasi il 20% degli inserzionisti della piattaforma di Ek, che nel 2021, sul segmento, ha già segnato ricavi per un miliardo di euro) .

Whooshkaa

Ma ora la strategia di Spotify va ben oltre. Il player ha infatti annunciato l’acquisto di Whooshkaa, podcast tech-company australiana fondata nel 2016 da un ex radiofonico: Robert Loewenthal, già CEO di Nine Radio (Macquarie Radio Network).

Spotify Whooshkaa Robert Loewenthal - Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra

Dalle radio al competitor dichiarato delle radio

Whooshkaa offre a content provider variegati, ma soprattutto emittenti radio, una piattaforma end-to-end per ospitare, distribuire, monetizzare e monitorare audio on demand.

whooshkaa - Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra

Transformer

In particolare, lo strumento Whooshkaa è un broadcast-to-podcast creato per semplificare la trasformazione dei contenuti audio radiofonici esistenti in podcast/catch-up, da distribuire on demand. In sostanza, si tratta di estendere la durata naturale di un programma (integrando il live – che normalmente al suo termine conclude la vita della trasmissione – con l’on demand, che lo rende virtualmente eterno) e la relativa monetizzazione

Whooshkaa in Megaphone

E’ prevista a breve l’integrazione del nuovo acquisto di Spotify all’interno della suite Megaphone per potenziare l’offerta di terze parti in Spotify Audience Network a favore degli inserzionisti che, secondo la società svedese, dal lancio, hanno visto aumenti a due cifre dei tassi di riempimento e dei CPM (costo per mille impressioni).

Da broadcast-to-podcast a all-to-podcast

E qui sta il genio. L’integrazione della tecnologia broadcast-to-podcast di Whooshkaa in Megaphone significa che Spotify sarà in grado di portare ancora più contenuti di terze parti in Spotify Audience Network, aiutando gli inserzionisti a parlare e a relazionarsi con un pubblico sempre maggiore. Ma agevolando anche le radio stesse, che disporranno così di uno sportello unico per trasformare da live a on demand i propri contenuti.

Ti aiuto… a diventare dipendente da me

Una formula per sfruttarne i contenuti e rendere dipendenti le emittenti da Spotify, sia dal punto di vista logistico che economico. Capito la tattica? (E.G. per NL)

printfriendly pdf button - Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Audio. Spotify vuole accerchiare e isolare la Radio: acquisto di Whooshkaa, piattaforma di semplificazione rivolta alle emittenti lo dimostra

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL