Dilettanti allo sbaraglio. La vera pandemia

pandemia

Dunque la pandemia da Coronavirus non sarebbe così grave come ci avevano raccontato. Probabilmente l’hanno avuta nelle scorse settimane (forse mesi), ce l’hanno e l’avranno qualche milione di persone al mondo. Perlopiù inconsapevolmente. Se le cose stanno come ci stanno dicendo in queste ore (durante le quali si è passati dall’eccessivo allarmismo ad un’allarmante distensione), ciò porterebbe a rivedere enormemente al ribasso le stime della letalità e della mortalità, in quanto si ridurrebbe (come peraltro supposto dall’inizio da alcuni medici) ad una influenza molto contagiosa, ma con effetti spesso al di sotto della maggioranza delle altre.google coronavirus - Dilettanti allo sbaraglio. La vera pandemia

0,006%

Con buona pace di coloro che ci stanno chiudendo le porte in faccia, con ogni probabilità il Coronavirus è già presente in centinaia di migliaia di casi in molti stati dell’UE, in maniera incognita (a proposito: il rapporto tra popolazione cinese ed infettati è dello 0,006%).

La vera pandemia

Al netto delle macerie che ora dovremo rimuovere a seguito di una gestione a dir poco amatoriale dell’emergenza, il Coronavirus ci ha lasciato in eredità un neologismo: infodemia. L’unica vera e pericolosa pandemia che abbiamo conosciuto.

printfriendly pdf button - Dilettanti allo sbaraglio. La vera pandemia
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Dilettanti allo sbaraglio. La vera pandemia

IN ARRIVO

Tv. Fuga dal satellite dei fornitori di contenuti