Editoria, USA. Secondo Tribune Publishing è ostile l’opa di USA Today

Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.

Michael Ferro, presidente e maggiore azionista di Tribune, con il 16% di capitale, ha reso noto in settimana di non avere alcuna intenzione di vendere, e di volere invece comprare il gruppo di Gannett. Ferro ha dichiarato, in un’intervista al suo stesso giornale LA Times, che l’offerta ricevuta è “una manipolazione” e USA Today ha intenzione di “rubare” la sua società. L’opa lanciata da Gannet in termini di denaro è sostanziosa; la cifra proposta inizialmente era di 815 milioni di dollari in contanti, ovvero 12,25 dollari ad azione, il che vuol dire il 63% in più rispetto alla quotazione dei titoli in borsa. Dopo il rifiuto di Tribune, l’offerta è stata alzata a 15 dollari ad azione, valutando il gruppo 864 milioni di dollari, considerato che nel frattempo i titoli sono cresciuti fino a raggiungere una quota attorno ai 14 dollari. Ferro è arrivato in Tribune lo scorso anno, chiamato dall’ex ceo Jack Griffin, per investire nel gruppo editoriale e portare a buon fine un’acquisizione. L’imprenditore ha portato alla società 44,4 milioni di dollari, assicurandosi la maggioranza del capitale e anziché affidarsi a Griffin, lo ha cacciato nominando nuovo ceo Justin Dearborn. A questo punto ci si chiede che cosa accadrà, se Tribune dovesse decidere di respingere ancora una volta l’opa giudicata ostile. Le ipotesi sono due: da un lato un ulteriore incremento del prezzo da parte di Gannett, dall’altro lato è possibile che gli azionisti del Tribune citino il board perché non ha fatto gli interessi della società. Il fondo Oak Tree, che possiede il 14% delle azioni, attraverso il suo presidente John Frank, ha inviato una richiesta agli amministratori affinché si tratti con USA Today e ha definito Ferro “il Mago di Oz”, inoltre ha aggiunto che il presidente deve convincerli che Tribune da sola possa raggiungere, nel minor tempo possibile, il valore per gli azionisti ottenibile dalla transazione con Gannett. (A.P. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria, USA. Secondo Tribune Publishing è ostile l’opa di USA Today

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL