Google ed editori: pace fatta. Ed uno spunto per i radiofonici…

radioplayer, TuneIn, Google, aggregatori

E se l’accordo Google – Editori che ha trovato applicazione anche in Italia venisse mutuato per la Radio nel rapporto con gli aggregatori?

Il complesso ed articolato compromesso raggiunto dopo il lungo confronto tra Google e gli editori europei (Francia ed Italia) ed australiani potrebbe costituire uno spunto per la definizione di un’altra annosa contrapposizione.

Aggregazione di interessi opposti

Parliamo di quella tra le più importanti emittenti radiofoniche e i grandi aggregatori mondiali di flussi streaming radio. TuneIn in testa, OTT peraltro già impegnato in una querelle giudiziaria in UK.

Il confronto annoso

Le reciproche posizioni sono note.

La tesi radiofonica

Gli editori radiofonici (come BBC e RTL 102.5) contestano a TuneIn di lucrare sui propri ascolti, attraverso pubblicità in preroll e display prima dell’avvio del flusso streaming radio prescelto dall’utente. Senza retrocessione alcuna alla stazione radio, che pur genera traffico all’aggregatore coi suoi contenuti. E quindi un maggiore apporto di visualizzazioni che pone le premesse per la vendita di pubblicità.

E quella dell’aggregatore

TuneIn ribatte a tale opposizione il fatto che, attraverso la sua app, favorisce l’ascolto radio. Del tutto gratuitamente.

Sinallagma

Il rapporto corrispettivo tra prestazione e controprestazione – il cosiddetto sinallagma contrattuale – sarebbe pertanto, secondo TuneIn, rispettato.

Storia già vista

Più o meno, si tratta delle stesse posizioni che avevano condotto al braccio di ferro tra Google ed editori. “Google non può accettare di dover pagare mentre contribuisce ad aumentare il traffico verso i siti degli editori”, era il principio alla base delle negoziazioni.

Oppan Google Style

Anzi, togliamo il più o meno: sono esattamente le stesse.
E allora, considerato che le premesse sono le stesse, perché non utilizzare il medesimo approccio per definire la querelle? Cambio merce compreso…

L’evidenza

Nel caso francese – da noi analizzato nel mese di febbraio – non c’è infatti alcun trasferimento economico dovuto al fatto che Google News mette in evidenza articoli degli editori estraendone eventualmente poche righe. Ecco…

 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Google ed editori: pace fatta. Ed uno spunto per i radiofonici…

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL