IP TV. Dazn rifiuta l’offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

offerta, TIM-DAZN

Sky avrebbe tentato il tutto per tutto, offrendo a Dazn 500 mln per la distribuzione delle partite di Serie A in co-esclusiva. La piattaforma Ip dal canto suo, rispedendo l’offerta al mittente, avrebbe sancito la fine dell’era Sky nella distribuzione delle partite del massimo campionato italiano in esclusiva.

Evoluzione (stra)giudiziale

Questo cambio di strategia da parte dell’emittente arriva a seguito del ricorso depositato presso il Tribunale di Milano contro Dazn. La società di proprietà del gruppo Comcast dovrà ora cercare di non perdere iscrizioni, potendo inoltre contare su un risparmio stimato di più di 3 miliardi in tre anni.

Il blocco limita l’offerta

Sky per 15 anni si è occupata in  regime di sostanziale monopolio del massimo campionato di calcio italiano, ma a fronte di una sentenza del 2020 del Consiglio di Stato, si è vista imporre il blocco sulla distribuzione in esclusiva fino al 2022. Tale blocco ha limitato di molto l’offerta del broadcaster durante il bando per l’assegnazione dei diritti di Serie A, vinto da Dazn. Quindi per fronteggiare questa mancanza, l’ex società di Murdoch ha dovuto nuovamente cambiare approccio con la Ip TV britannica.

comcast 750x536 - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

Cambio di strategia

Questa volta Sky si è resa protagonista di una proposta alla diretta concorrente. Tale offerta arriva a poche settimane di distanza dal ricorso presentato da Sky in merito alla legittimità delle operazioni di assegnazione dei diritti di Serie A e rappresenta per il broadcaster l’ultima vera spiaggia per non uscire dal panorama calcistico italiano.

I dettagli dell’offerta

Sky ha infatti messo sul piatto 500 mln di euro per avere la possibilità di trasmettere le partite in co-esclusiva, mediante dei canali dedicati a Dazn, presenti sia nell’offerta satellitare che sull’app SkyQ.

tutta su dazn e1623831944813 - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

L’OTT dice no

La risposta della piattaforma londinese non è tardata ad arrivare. Dazn ha rispedito subito l’offerta al mittente. La strategia adottata da Sky per poter “rientrare in gioco” è andata letteralmente in fumo. Gesto che ha evidenziato l’importanza dell’accordo stipulato in precedenza con Tim Vision.

dazn tim - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

Rapporto di esclusiva

La differenza sostanziale sta nel fatto che l’intesa raggiunta in precedenza tra Dazn e Tim Vision si basa su un rapporto di esclusività e che alleggerirà la spesa della IP britannica di 350 mln l’anno.

Servizio e abbonamento

Inoltre, l’accordo stipulato tra la piattaforma e l’azienda italiana è finalizzato a sviluppare e migliorare questo tipo di programmi in streaming. Cercando di creare un’esperienza sempre migliore per il cliente a prezzi facilmente accessibili a tutti (19,99 euro al mese per il primo anno).

Acquisisci schermata Web 16 6 2021 11155 www.dazn .com  - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

Resta la co-esclusiva

Sky, che si è vista rifiutare la proposta, dovrà trovare un escamotage per sopperire alla mancata aggiudicazione delle partite in esclusiva a partire dal prossimo anno. Tali mancanze potranno essere coperte, anche se in minima parte, dalle 3 partite di Serie A che è riuscita ad aggiudicarsi in co-esclusiva per 90 mln di euro, oltre che le partite di Champions League, sempre in co-esclusiva, per 120 mln.

A conti fatti

Ma per quanto la società sia tagliata fuori da un grosso mercato come quello calcistico italiano, può dirsi “fortunata”. Questo perché ponendo in relazione le spese dei prossimi 3 anni con quelle del triennio passato, la società potrebbe risparmiare all’incirca un miliardo di euro l’anno.

Immagine - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

Serie A e Champions League

La società infatti, nello scorso triennio, deteneva l’esclusività delle partite di Serie A e di Champions League. Le due competizioni assieme generavano costi rispettivamente di 783 mln e 300 mln di euro l’anno e, complessivamente, di 1,1 mld di euro. Spese che invece nel prossimo triennio dovrebbero essere di poco superiori ai 200 mln di euro.

Calo di ascolti

Il risparmio generato dall’assenza dei diritti di Serie A, potrebbe aiutare Sky a limitare i danni. Infatti, le somme non utilizzate per i diritti televisivi potranno essere investite per ampliare l’offerta della società. Limitando così la probabile perdita di sottoscrizi in favore di Dazn. (E.T per NL)

printfriendly pdf button - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - IP TV. Dazn rifiuta l'offerta di 500 mln da Sky. La società di Comcast dovrà fare a meno della Serie A. Ma i mali potrebbero non nuocere

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL