Media. Confermate le crescite del mercato pubblicitario a giugno: il semestre si chiude con una ripresa generale per tutti i mezzi

giugno

Il periodo gennaio – giugno 2021 si chiude con un positivo del 26,7%, arrivando a colmare quasi del tutto il gap con il 2019. In ripresa anche uno dei comparti più colpiti dalla pandemia: l’OOH, che nei primi cinque mesi del 2021 aveva registrato pesanti perdite, ora quasi del tutto recuperate.

La fotografia di maggio

Si è recentemente parlato della forte ripresa del mercato pubblicitario italiano, iniziata a gennaio 2021 e sempre più affermata negli ultimi mesi. In particolare, il mese di maggio ha visto crescere il volume d’affari del settore del 64,6%. Nel complesso dei primi cinque mesi dell’anno, il mercato ha segnato un totale di incremento del 23,7%, all’interno del quale ci sono alti e bassi. Mentre, infatti, alcuni comparti crescono con buon ritmo, come la tv (+30,4%), altri registrano cali importanti, come la Go Tv (-34,6%).

giugno - Media. Confermate le crescite del mercato pubblicitario a giugno: il semestre si chiude con una ripresa generale per tutti i mezzi

La situazione a giugno

La situazione a fine giugno non si è discostata di molto da quella fotografata un mese prima e va a completare il quadro della prima metà dell’anno in corso. Il semestre si chiude infatti con un positivo del 25,7%, coerente con la crescita di gennaio – maggio (26,7% se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen).

A giugno numeri meno sensazionali

Per quanto riguarda giugno, nel complesso, si è ben lontani dai numeri sensazionali del mese precedente, ma si registra comunque un incremento del 34,6%. Come ha affermato Alberto Dal Sasso ais managing director di Nielsen: “Il mese di giugno conferma la ripresa del mercato pubblicitario, crescita robusta ormai possiamo dire consolidata”.

Gli Europei

Rispetto poi al periodo antecedente alla pandemia, Dal Sasso ha spiegato: “Anche in riferimento all’ultimo anno pre covid, il 2019 il gap si riduce (-2,3%), grazie anche agli Europei che hanno visto l’Italia fino alla finale”.

La tv a giugno

Prendendo in esame alcuni dei singoli mezzi, si può vedere come la crescita sia effettivamente ancora in corso e ben consolidata, al punto da poter essere definita strutturale. Nonostante giugno abbia visto una flessione rispetto a maggio, l’ottimismo resta inalterato. La tv, infatti, chiude il primo semestre con un +33,2% (sui cinque mesi era al +30,4%). Sicuramente complice la competizione calcistica europea, lo schermo televisivo resta il media pubblicitario per eccellenza anche nel mese di giugno in cui ha registrato un incremento sul 2020 del 48,1% ( a maggio era stato del 79,1%).

Go Tv

La Go Tv, invece, taglia il traguardo di metà anno con un -13,7%: risultato non incoraggiante se preso in valore assoluto, ma che fa ben sperare confrontato con i primi cinque mesi. Il periodo gennaio – maggio si era infatti chiuso con un -34,6% per il comparto, per il quale, alla luce dell’ultimo risultato, si può effettivamente parlare di ripresa.

Carta stampata e radio

La carta stampata resta in positivo, sia per quotidiani che per periodici, la raccolta è cresciuta, rispettivamente, del 19,2% e del 45,3% sul mese di giugno. Per quanto riguarda il semestre, il risultato è stato del +9,7% e +3,9%. Anche la radio continua il proprio percorso di ripartenza, totalizzando un +21,7% a giugno e un +22% sul semestre.

OOH

L’OOH resta in crisi, anche se le gravi perdite registrate nel mese di maggio sono state in parte, se non totalmente recuperate. L’outdoor, infatti, dopo il -10,3% del periodo gennaio – maggio, è riuscito a portarsi in positivo arrivando a +6,3%. Mentre il transit – rimasto comunque in rosso – è passato da -43,7% a -28,3%.

Attenuazione

La chiusura di questo primo semestre rifinisce la situazione, assestando gli estremi del precedente periodo, soprattutto del mese di maggio. I media che già erano in crescita, infatti, hanno visto attenuarsi i propri incrementi che sono pur sempre rimasti su un buon livello. I mezzi che avevano invece registrato perdite importanti sono in ripresa e, anche dove continuano a essere in rosso, i danni sono stati limitati. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Media. Confermate le crescite del mercato pubblicitario a giugno: il semestre si chiude con una ripresa generale per tutti i mezzi

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL