NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014

newsletter newsline logo1 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014 newsletter title11 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014 newsletter topright3 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
Se qualcuno avesse ancora dubbi che la ripresa nel settore delle comunicazioni di massa italiane sta cominciando ad ingranare, le righe che seguono potrebbero contribuire, se non ad un radicale cambiamento d’idea, quantomeno ad un serio riesame dei presupposti della propria opinione.
elite banner 9b 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
xchange banner nl7 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
banner Elite4 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
 
Oggi, nell’era della comunicazione globale webcentrica, dove, con l’avvento della crossmedialità, la multimedialità è cosa da vecchi e la pirateria tecnologica è da tutti ricondotta a quella informatica, fa sorridere parlare di pirati radiofonici.
 
«Nel 2012, il valore complessivo del Sistema Integrato delle Comunicazioni (SIC) è pari a circa 19 miliardi di euro rispetto ai 20 miliardi di euro circa raggiunti nel 2011.
Facebook, il social network più famoso al mondo, si interessa sempre più alla pubblicità (e la pubblicità lo corteggia in maniera serrata, posta la sua incredibile platea di 1,2 miliardi di utenti).
La RAI, col supporto degli ispettorati Territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico, sta partendo con una nuova offensiva contro le emittenti private, colpevoli (a suo dire) di sporcare le proprie emissioni in FM e quindi responsabili dell’inarrestabile crollo dell’audience delle reti pubbliche nelle graduatorie d’ascolto.

banner SIT b9 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
banner Elite4 0 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
banner Radio Mondo9 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
"Le cose vanno male, anzi malissimo per la RAI". Lo denuncia in una nota inviata oggi a questa redazione il sindacato Libersind.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014
Un elicottero di un’emittente tv è precipitato allo Space Needle, a poca distanza dal centro di Seattle. Nello schianto diverse autovetture, lungo la strada, sono state colpite. Il veicolo e le auto hanno preso fuoco.
Il Dipartimento per l’informazione e l’editoria, nell’ambito dei propri compiti istituzionali, stipula contratti con le agenzie di stampa, per l’acquisto di servizi giornalistici ed informativi, con un duplice obiettivo.
No al carcere per i giornalisti ritenuti responsabili di diffamazione, se non in "circostanze eccezionali". Lo ha deciso la quinta sezione penale della Suprema Corte con una sentenza depositata il 13/03/2014.
Negli ultimi tre mesi i media storici ucraini risultavano fortemente polarizzati, tanto che alcuni eventi erano stati coperti da televisioni indipendenti e da canali televisivi pro-governativi (con l’inevitabile influenza informativa).
La Radio Vaticana nei giorni scorsi ha firmato un accordo di collaborazione con la radio-tv di Malta per la produzione e la ritrasmissione di programmi radiofonici.
L’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in materia di deducibilità delle spese di rappresentanza nel caso di beni autoprodotti dall’impresa.
Nascono dalla voglia di cambiamento e innovazione le startup degli imprenditori italiani, che trovano applicazione per lo più nei settori del web (49%), dell’ICT (21%), dei servizi (19%), dell’elettronica e dei prodotti di consumo.
Il gruppo presieduto da Francesco Gaetano Caltagirone ha chiuso il 2013 con una perdita netta pari a 75,4 milioni, contro il rosso di 61 mln che registrava al 31 dicembre 2012.
Il direttore Angelo Teodoli punta sull’informazione, sulla complessità e sull’investimento in nuovi progetti.
Ormai un ‘caso’ quello delle scommesse sospette intorno al vincitore di ‘MasterChef Italia’ e la società di produzione Magnolia e Sky intendono chiarirlo con un esposto alla magistratura, sottolineano che niente di irregolare si è verificato nella comunicazione della vittoria di Federico giovedì scorso.
Infratel Italia, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico, ha indetto il bando per l’individuazione e il finanziamento di un progetto di investimento per la diffusione dei servizi a banda larga.
Scontro rinviato ad altra data per il gruppo che ha approvato un bilancio 2013 in pesante rosso, mostrandosi ottimista sul 2014.
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 746 del 19/03/2014