Provvidenze editoria: presentato emendamento al Senato per il ripristino per rtv locali

"Quasi un anno fa, con un vero blitz in sede di conversione del decreto Milleproroghe, furono soppresse le provvidenze all’editoria a radio e tv locali".

Inizia così una nota della Federazione Radio Tv Locali a riguardo della contestatissima soppressione delle provvidenze a favore di radio tv locali voluta dal Governo Berlusconi. "Il taglio aveva risparmiato gli altri soggetti beneficiari tra cui la stampa, ma soprattutto aveva mantenuto il sostegno a radio e tv di partito creando una evidente disparità di trattamento tra soggetti che operano sullo stesso mercato", continua la federazione. "A lasciare ulteriormente perplessi è stata anche la sproporzione delle somme erogate a favore delle emittenti di partito rispetto alle emittenti locali. Nel 2008 su un totale di circa 30 mln di euro erogati il 54,24% era andato a sei emittenti espressione di partiti politici, mentre il restante 45,76% a circa 1.200 emittenti tra radio e tv locali. Quindi, a otto emittenti (di partito) sono andati mediamente circa 2 milioni di euro a testa, mentre alle “restanti” 1.200 emittenti sono stati erogati circa 12 mila euro ciascuno. La sperequazione è fortissima se si raffronta il volume d’affari, il numero di occupati, gli ascolti e i servizi di informazione resi ai cittadini (migliaia di notiziari locali mandati in onda ogni giorno da radio e tv locali)", conclude il soggetto portatore di interessi diffusi. (A.M. per NL)
 
Di seguito il testo dell’emendamento presentato dal Sen. Vincenzo Vita e altri parlamentari.
 
Dopo il comma 5 aggiungere il seguente:
“5-bis. L’art. 10-sexies comma 1 lettera e) del decreto-legge 30 dicembre 2009 n. 194 convertito, con modificazioni, con legge 26 febbraio 2010, n. 25 è soppresso. Ai maggiori oneri, pari a 15 milioni di euro a decorrere dal 2011 si provvede mediante incremento del gettito della tassazione sulla raccolta da apparecchi da intrattenimento. A tal fine all’articolo 30-bis, comma 1, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2:
 
alla lettera a) le parole “12,6 per cento” sono sostituite dalle seguenti: “13,1 per cento”;
alla lettera b) le parole “11,6 per cento” sono sostituite dalle seguenti “12,1 per cento”;
alla lettera c) le parole “10,6 per cento” sono sostituite dalle seguenti “11,1 per cento”;
alla lettera d) le parole “9 per cento” sono sostituite dalle seguenti “9,5 per cento”;
alla lettera e) le parole “8 per cento” sono sostituite dalle seguenti “8,5 per cento”.
 
In caso di in capienza, si provvede mediante riduzione lineare ai sensi dell’art. 1 comma 13 della legge 13 dicembre 2010, n. 220; dalla suddetta riduzione lineare è esclusa l’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 10 del decreto-legge 27 agosto 1993, n. 323, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 1993, n. 422.
 
Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare con propri decreti le occorrenti variazioni in bilancio
 
 
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Provvidenze editoria: presentato emendamento al Senato per il ripristino per rtv locali

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL