Radio 4.0. Spotify vuole fare la Radio, ma non è pronta. Negli USA pericolo per pubblicità politica incontrollata e quindi stop agli annunci in attesa di strumenti di controllo

pubblicità politica

La pubblicità politica negli USA rischia di essere una buccia di banana per l’OTT audio Spotify che quindi la sospende.
Spotify – il più importante servizio di streaming audio on demand – non è la Radio, lo scriviamo da sempre.
Ma – per molti versi – si comporta come tale e, soprattutto, è percepita come surrogato della stessa (quantomeno per quella musicale) da un numero sempre più alto di utenti.
Così anche le iniziative commerciali sono spesso le medesime.
Delle proposte combinate di Spotify col mezzo radiofonico in Italia attraverso i principali centri media abbiano già parlato.

Pubblicità politica USA

Quest’oggi ci occupiamo invece di un problema – non di poco conto, visto il periodo politicamente caldo – negli USA.
Spotify non è infatti in grado di accertare in forma automatica la veridicità degli spot politici che potrebbero essere veicolati sulla sua piattaforma attraverso il programmatic.

Rischio troppo elevato

Così per evitare di finire al centro di contenziosi e soprattutto di essere destinataria di pesanti sanzioni (in USA sul punto non si scherza), la società di Daniel Ek ha deciso di bloccare ogni forma di pubblicità politica in attesa di introdurre strumenti di analisi preventiva automatica, rinunciando ai pur appetibili introiti. La nuova policy è stata applicata ai servizi gratuiti con pubblicità  e nei podcast originali (dove nel periodo luglio-settembre Spotify ha registrato circa 141 milioni di utenti attivi su base mensile).

La Radio USA tira respiro di sollievo

Un respiro di sollievo per la radiofonia americana che da tempo sta studiando (ma anche attuando) contromisure verso l’aggressione di Spotify (ma anche di Pandora ed altri servizi di streaming audio on demand) al mercato pubblicitario.

Rivedremo la decisione quanto saremo pronti a gestire la pubblicità politica

“Allo stato la nostra linea di controllo non ha conseguito quella affidabilità tale da permettere una verifica ed una validazione responsabile dei contenuti politici promozionali. Lavoriamo comunque sul tema e confidiamo presto di poter rivalutare questa decisione“, ha spiegato alla stampa un portavoce di Spotify. (E.G. per NL)

 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio 4.0. Spotify vuole fare la Radio, ma non è pronta. Negli USA pericolo per pubblicità politica incontrollata e quindi stop agli annunci in attesa di strumenti di controllo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL