Radio. Contributi: TAR Lazio nuovamente sull’obbligo di motivazione delle esclusioni da parte del Ministero delle imprese e del made in Italy

motivazione

Un’altra puntata della storia infinita tra editori e Ministero delle imprese e del made in Italy per i contributi alle emittenti. Questa volta il TAR Lazio dichiara l’illegittimità del punteggio per mancanza di motivazione nella procedura di attribuzione a concessionarie radiofoniche.

Sintesi

Alla pletora di decisioni rese dal TAR Lazio in tema di contributi alle emittenti radiofoniche se n’è aggiunta un’altra di particolare interesse.
La determinazione deriva dal ricorso attivato da un’emittente radiofonica romana, assistita dall’avvocato Gian Luca Barneschi, alla quale – senza motivazione e contraddittorio alcuno – nel passaggio dalla graduatoria provvisoria a quelle definitiva, era stato azzerato il punteggio relativamente ai giornalisti impiegati.

Decurtazione

Con conseguente riduzione del punteggio e decurtazione della somma attribuita.

Carenza di motivazione…

Il collegio giudicante dell’organo giurisdizionale di giustizia amministrativa, in primis, ha disposto lo stralcio dei documenti depositati tardivamente dall’amministrazione e, soprattutto, ha accolto il ricorso per “evidente carenza motivazionale nel provvedimento impugnato”.

… lesiva del diritto a conoscere

Carenza “manifestamente lesiva del diritto della ricorrente a conoscere le ragioni del punteggio pari a “0” riconosciutole in sede di graduatoria definitiva per la voce “giornalisti dipendenti”.

Ragioni senza traccia

Secondo il Tribunale Amministrativo, poi “nella parte motiva del provvedimento non v’è traccia delle ragioni che avrebbero condotto la P.A. a non riconoscere alcun punteggio per la voce in questione”.

Carenze motivazionali

Approfondendo le carenze motivazionali del provvedimento oggetto di ricorso, sulla base di quanto evidenziato dalla ricorrente, il collegio giudicante ha anche evidenziato che “nel provvedimento impugnato risultano riportate, con riguardo alle singole emittenti nominativamente ivi indicate, le variazioni, corredate dalle ragioni delle stesse, rispetto ai punteggi riportati negli elenchi provvisori menzionati nello stesso provvedimento”.

Perduta strada facendo

“La ricorrente non risulta annoverata fra le emittenti rispetto alle quali risulta intervenuta una ragione di variazione e riesame del punteggio attribuito in sede di graduatoria provvisoria né rispetto ad essa viene precisato alcunché con riguardo all’azzeramento del punteggio per la voce “giornalisti dipendenti”.

Ragione della corrispondenza

Concludendo che “non risulta evidente la ragione per la quale in corrispondenza della voce “giornalisti dipendenti” in graduatoria venga indicato un punteggio pari a “0”.

Tardività

Né la motivazione del provvedimento risulta essere stata integrata nel corso del giudizio.

Integrazione postuma

Fermi i ristretti casi in cui tale integrazione postuma è ammissibile, nella fattispecie gli unici atti dai quali avrebbe potuto ricostruirsi la ragione alla base della decurtazione subita dalla ricorrente sono stati versati in atti tardivamente donde la loro inutilizzabilità al fine di cui innanzi”.

Decisione assai critica

La motivazione, dunque, risulta assai critica sul contegno operativo dell’ufficio coinvolto, sia prima, che durante e dopo (l’attivazione del ricorso). (E.G. per NL)

foto antenna di Floriano Fornasiero

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio. Contributi: TAR Lazio nuovamente sull'obbligo di motivazione delle esclusioni da parte del Ministero delle imprese e del made in Italy

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook, TelegramWhatsApp. News in tempo reale.

Ricevi gratis la newsletter di NL!