Radio digitale, Francia: assemblea generale del World DMB Forum. Al centro dell’attenzione la scarsità dei ricevitori mobili

Una Parigi tutta dedicata alla radio, in queste settimane. L’assemblea generale del World DMB Forum si sta svolgendo in queste ore, alla casa della Radio dall’altra parte della Senna rispetto alla spianata della torre Eiffel, non lontano dal Trocadero.

Ne dà notizia Radio Passioni, che segnala il flusso di James Cridland, grande esperto e critico (costruttivo) della radio digitale, su Twitter. Si parla ovviamente di DAB, DAB+ e dell’eterno problema dell’adozione di questo sistema in Europa e nel mondo. Tra i temi più caldi c’è quello della penuria di autoradio digitali, considerate oggi il punto più debole della catena che dovrebbe portarci al DAB (qui in Italia c’è anche quello di come sistemare centinaia di stazioni locali ma un’altra storia). Prima di questo evento, dal 19 al 22 si è tenuto il salone SIEL SATIS Le Radio. La Francia sta per affrontare il grande passaggio alla radiofonia numerica DMB e in pentola bollono parecchie questioni, tra cui naturalmente il mercato dei terminali e l’accessibilità da offrire alle radio associative. La Direction du Développement des Médias del Ministero francese delle Comunicazioni aspetta un rapporto, firmato Emmanuel Hamelin, dedicato agli aiuti anche finanziari di cui le stazioni comunitarie e no profit potranno usufruire per l’adozione degli standard di trasmissione numerica. Anche in questo caso le decisioni prese oltre confine potranno rappresentare un esempio per i nostri regolatori. Se solo accettassero consigli… (Radio Passioni)

printfriendly pdf button - Radio digitale, Francia: assemblea generale del World DMB Forum. Al centro dell'attenzione la scarsità dei ricevitori mobili
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio digitale, Francia: assemblea generale del World DMB Forum. Al centro dell'attenzione la scarsità dei ricevitori mobili

Non perdere le novità dei settori radiotelevisivo, editoriale e delle telecomunicazioni

Gratis la newsletter di NL