Home Radio e TV Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità...

Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità di una resurrezione qualche volta problematica e non sempre opportuna

SHARE
Radio Montestella web

La tentazione di far rivivere sul web le radio del passato è forte, vista la facilità di ingresso su tale piattaforma – sia dal punto di vista economico che organizzativo – ed è sicuramente alla portata di molti.
E pur non essendoci stato un approdo di massa a questa opportunità – per ragioni anagrafiche dei pionieri della prima ora, per una (conseguente) scarsa propensione verso le nuove tecnologie e per ragionevoli dubbi sulla possibilità di catturare ascoltatori posta la vastissima frammentazione dell’offerta – in ogni caso diverse emittenti sono comunque tornate “on air” (rectius, “on line”).

Hanno fatto sensazione per l’indiscutibile appeal del marchio e annesso impatto emozionale i ritorni di Radio Milano International (la cui cura della pagina Facebook avrebbe molto da insegnare a tante colleghe in FM) e di Radio Peter Flowers (quest’ultima purtroppo con resurrezione effimera), ma, al di là di questi due casi eclatanti, da diversi anni sono molti i loghi del passato rinati sulla rete (esempio recente è quello di Radio Montestella, storico brand di Milano, reimpiegato senza collegamento alcuno coi fondatori salvo nome e grafica).
Fatto sta che in ogni parte d’Italia piccole e medie emittenti hanno rispolverato loghi e jingle e si sono rimesse in moto ed è verosimile ritenere che il numero andrà ad aumentare con il passare del tempo.
Il dubbio che questa tipologia di operazione genera è se debba essere catalogata esclusivamente nell’ambito di mere operazioni nostalgia (quindi col timer inserito), assolutamente rispettabile come intento, o se ci si possa attendere qualcosa in più di vecchi cimeli e ricordi riportati alla luce.Radio Milano International Web - Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità di una resurrezione qualche volta problematica e non sempre opportuna

Perché è chiaro che più il passato è ingombrante come fama e storia, più risulta complicato fare i conti con il presente: esaurito il primo giustificabile tuffo al cuore, nel risentire alcune vecchie registrazioni si pone ineludibile la problematica di far sviluppare il progetto.
Farlo restare ancorato alla programmazione di vecchi reperti audio (tenendo conto del fatto che nella maggior parte dei casi gli archivi sono andati perduti o sono ridotti al lumicino) oppure provare a cimentarsi con una versione 4.0? E, tra l’altro, a beneficio di quale tipologia di utenti?
I nostalgici della “prima era” presumibilmente possono ben apprezzare – e non si sa quanto a lungo -, la riproposizione delle vecchie reliquie, ma probabilmente mal digeriscono eventuali cambiamenti o tentativi di trasformazione dei format.

Inoltre il paragone con quello che fu, potenziato anche dall’effetto memoria, renderebbe sempre stridente il rapporto con l’attualità che per caratteristiche e potenzialità sarebbe sempre tutt’altro.
I presupposti iniziali da cui partono tutti, di coagulare intorno al progetto almeno alcuni dei nomi storici, si risolvono quasi sempre in un nulla di fatto per molteplici ragioni oggettive e alla fine ci si ritrova nelle difficoltà di dovere capire che strada prendere.Radio Montestella Milano 1980 - Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità di una resurrezione qualche volta problematica e non sempre opportunaNel caso di emittenti con una chiara connotazione musicale si può provare a ridisegnare quello stile caratteristico; operazione che rischia di introdurre la nuova stazione in mezzo ad altre migliaia di emittenti tematiche che esistono e ancora più complicata se si cerca di adeguare lo stile del passato con delle playlist di musica contemporanea.
Ciò in quanto sono stati così tanti i cambiamenti nell’ultimo trentennio, che codificare e definire un nuovo orientamento è veramente complicato e rischierebbe di scontentare la maggior parte dei fedelissimi.
Inoltre, è da tenere in considerazione a chi tocchi l’onere e l’onore di riportare in auge il tanto ambito nome: alla vecchia proprietà, ammesso che esista ancora e che abbia una comunione di intenti con gli altri presumibili soci? E se così non fosse chi avrebbe il diritto di farlo?radio peter flowers - Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità di una resurrezione qualche volta problematica e non sempre opportuna
Se si prende in considerazione l’idea che anche componenti storici di ogni emittente possano prendersi la briga di resuscitarla, eventuali lotte intestine o diversità di vedute potrebbero dare adito a mille rivoli diversi.
Come si può notare sui social, sono frequenti i casi di emittenti con pagine e gruppi diversi, ognuno gestito da alcune frange dello staff o di componenti che le hanno popolate in periodi diversi e per i quali, ovviamente, il proprio era quello più significativo.
Senza contare che la disponibilità di marchi non più utilizzati, e quindi (apparentemente) privi di copertura legale, e di domini mai registrati fornisce a chiunque abbia la voglia e la faccia tosta necessaria di intestarsi passati mai vissuti.

Di base rimane il fatto che sino ad ora queste operazioni non hanno sortito grandissimi risultati; anche esempi più recenti come quello di Radio Italia Network, seppur con altre ambizioni, alla fine hanno ulteriormente confermato quanto sia complicato riaccendere i riflettori su qualcosa che è stato spento anche se da poco.
Più importanti sono stati i risultati raggiunti in passato, maggiori sono le attese da soddisfare con la plausibile possibilità che poi non si riesca a ritagliarsi un nuovo credibile posizionamento.
E’ lecito supporre quindi che la resurrezione online sia più semplice per le piccole emittenti areali oscurate da una gestione della modulazione di frequenza troppo onerosa ma con ancora un bacino di utenza, seppur piccolo, da poter catturare di nuovo e che, non avendo grandi aspettative, potrebbe gradire anche dei piccoli sforzi economici ed organizzativi.Radio Italia Network - Radio. La rinascita di storiche emittenti FM sul web: dubbi e perplessità di una resurrezione qualche volta problematica e non sempre opportuna

Sempre auspicando che anche la gestione di una web radio non diventi man mano sempre più onerosa e macchinosa, vista la moltiplicazione delle richieste per lo sfruttamento del diritto d’autore e dei diritti connessi che generano, oltre che confusione, anche una lievitazione dei costi di gestione, ponendo pertanto ulteriori clausole ostative alla realizzazione di progetti nella maggior parte dei casi no profit.
Rimaniamo comunque con la perplessità se sia meglio lasciare i ricordi al loro posto evitando queste operazioni nostalgia o se invece sia opportuno trovare la quadratura del cerchio per far riemergere sulla rete ciò che è scomparso nell’etere. (U.F. per NL)