Home News Ticker Tv Radio locali. Sicilia: panoramica completa su ascolti TER 2018 a confronto con...

Radio locali. Sicilia: panoramica completa su ascolti TER 2018 a confronto con il 2017. Nazionali dominano scena, con eccezione di Radio Margherita

Sicilia

In questa panoramica sugli ascolti delle Radio italiane (nazionali e locali) in alcune importanti regioni del nostro Paese, questa volta tocca al Sud e in specifico alla Sicilia, isola grande e popolosa, che ha quindi una sua indubbia importanza anche a livello nazionale.
Per prima cosa però una piccola nota sul Veneto, che abbiamo esaminato nei giorni scorsi. Qui la novità appena arrivata in redazione è che nella citata Sphera Holding, che ha riunito in un’unica società di gestione le emittenti del gruppo Radio Company e quelle del ‘gruppo Radio Padova’, con quote al 50% ciascuno, sono appena cambiati gli equilibri, nel senso che è stato Company Group (Anacleto Comin e Mauro Tonello) a rilevare le quote (50% appunto) dal Gruppo Radio Padova (Alberto Mazzocco) e ad assumere dunque l’intera proprietà della Sphera Holding.

  • Consultmedia 22 HBG 5 900X900 - Radio locali. Sicilia: panoramica completa su ascolti TER 2018 a confronto con il 2017. Nazionali dominano scena, con eccezione di Radio Margherita
    Pubblicità

Ma veniamo alla Sicilia. Nell’isola – va detto – il dominio delle Radio nazionali è abbastanza indiscutibile. Su tutte (dati x.000 Giorno Medio dell’Annuale 2018 TER) domina Rtl 102.5 con un solido 919, mentre al secondo posto si piazza qui Radio Italia (la musica italiana nell’isola è molto amata) con 675. A seguire, ecco Rds a 581. Poi c’è un bel distacco e arrivano Radio Deejay a 371, Radio 105 a 339, RadioUno Rai a 287, Radio Kiss Kiss a 262, R101 a 217. Ancora più distanti la Radio di GEDI m2o a 170, seguita da RadioDue Rai a 161, Virgin Radio a 159 e Radio Capital a 132. A chiudere la fila, ecco infine RadioFreccia a 91, Radio 24 (qui in coda) a 85, Radio Monte Carlo a 74, RadioTre Rai a 73 e Isoradio Rai appena a 13.
Ma eccoci alle ‘nazionali di fatto’ e alle emittenti di altre regioni. Il dato più rilevante è quello di Radio Sportiva (un bel 106), seguita da Radio News 24 (il gruppo calabrese ADN è forte anche in Sicilia) a 59, da Radio Zeta a 49, da Radio Cuore a 40 e da Radio Italia Anni 60 (presente solo in alcune zone della Sicilia) a 37.

Sempre nell’ambito del gruppo ADN (anche se spesso a curare la diffusione in Sicilia dei suoi marchi e di diversi di quelli nazionali, compresa Sportiva, è la forte struttura del gruppo RMB di Belpasso), ci sono anche Radio Jukebox a 74 e Radio Ricordi a 15. Poi c’è Radio Fantastica a 14, mentre spunta qui anche Rmc Sport, a 13. La campana Radio Ibiza, che in passato voleva puntare anche sulla Sicilia, è solo a 6, lo stesso dato di Radio Voce della Speranza.
Da segnalare anche la calabrese Radio Balla Balla a 4, stavolta del gruppo Cristofaro, che poi è presente anche con apposite ‘versioni locali’ del marchio Radio Azzurra. Un discorso a parte è quello dei marchi del gruppo lombardo Number One, che sono qui legati al gruppo catanese di Radio Amore (di cui diremo) con Nostalgia e One Dance (11). C’è anche la Radio calabrese legata al format Lattemiele (7, di cui 5 in Calabria), con la denominazione ‘leggermente diversa’ Radio Latte e Miele (ma il sito del gruppo Lattemiele ‘non considera’ la Calabria), mentre la Lattemiele isolana (Sicilia occidentale) è a 18.

E restiamo in tema di ‘nazionali’, perché l’unica Radio che si distingue fra le siciliane è ovviamente Radio Margherita Musica Italiana di Palermo, con un dato siciliano di 335 (in calo sul 2017) che la pone al sesto posto assoluto nell’isola e che costituisce più della metà del dato complessivo nazionale (Radio Margherita in Italia è a quota 629). A corredo ci sono poi Radio Margherita Giovane a 24 (in bella ascesa) e l’ex altro marchio primario Radio Arcobaleno (solo 4).
Passiamo alle altre emittenti.
Va detto intanto che negli ultimi anni non sono mancate in Sicilia le chiusure, soprattutto quella di Radio Sis del gruppo Ciancio (o ex gruppo Cianco), che ha molti problemi (come noto). E infatti nel 2018, dopo una vita, non è più presente nella classifica TER neppure Radio Telecolor, che pure ha avuto ‘momenti di gloria’ in passato anche in Fm. Fra le altre chiusure del 2018, citiamo anche quella di Radio Mediterraneo (del gruppo ragusano di Video Mediterraneo), a Catania di Radio Delfino, diventata Radio Uzeda, e di Radio Azzurra Ravanusa di Licata.
Chi resta invece in testa alle locali propriamente dette è Rgs (144, poco meno del 2017), ovvero la Radio palermitana (e regionale) del nuovo solido gruppo multimediale costituitosi con l’unione del ‘Giornale di Sicilia’ e della ‘Gazzetta del Sud’, quotidiano ben diffuso fra Messina e la Calabria, cui fanno capo anche le solide Tv TGS e Rtp e, sul piano radiofonico, appunto Rgs e Radio Antenna dello Stretto (non iscritta a TER).

Dopo Rgs, c’è la nota stazione catanese Radio Studio Centrale (98), che cresce bene rispetto ai 78 del 2017, e poi l’altra catanese Studio 90 Italia (71, poco più del 2017).
Poi c’è Radio Amore, con sede a Pedara, vicino Catania, con un dato di 46, rispetto ai 61 del 2017, ma qui il discorso si fa lungo e complicato, perché Radio Amore è un marchio che voleva diffondersi in varie regioni, con emittenti collegate, e c’era anche riuscito in parte, legandosi prima di tutto alla Radio con lo stesso nome della Campania. Ma successivamente le cose sono andate diversamente, la Campania è andata per conto suo e accanto all’emittente di Pedara è rimasta soprattutto quella omonima di Messina (non rilevata a parte); poi a complicare le cose c’è anche una Radio Amore Italia (autonoma) a Siracusa.
La famiglia Scuderi, che gestisce con grande passione Radio Amore, ha deciso comunque di valorizzare a dovere il suo marchio e per questo ha denominato le sue seconde e terze reti (molto valide a loro volta) Radio Amore Nostalgia (ha un dato di 12 in TER 2018) e Radio Amore One Dance (ecco l’11 che abbiamo visto prima), sulla base di un accordo con il gruppo Number One per l’uso dei suoi marchi. Il calo di Radio Amore rispetto al 2017 dunque, nel complesso, non sembra poi esserci.

Come se non bastasse, ci sono poi anche – per chiudere il discorso – le ulteriori reti Radio Amore Blu e Radio Amore Rock, che poi si identifica con l’interessante progetto della Radio universitaria Radio Zammù.
Tornando alla nostra graduatoria, a questo punto ‘è di scena’ Bella Radio Tv di Catania (la presenza di emittenti televisive, anche ‘parziali’, accanto alle Radio è assai diffusa in Sicilia ed è iniziata già alcuni anni fa), con musica soprattutto napoletana, a 38 (stesso dato del 2017). Poi ecco Radio Time di Palermo a 37 (erano 32), ma con l’altra rete Radio Time 90 a 12 (era a 9).
A seguire, ecco la siracusana Fm Italia a 22 (in calo sul 2017) e poi Radio Zenith Messina a 15 (era a 12). Non essendo iscritte stavolta le palermitane Primaradio e Radio One e la catanese Radio Smile, ecco poi l’interessante Radio Etna Espresso di Acireale (13) e Radio Azzurra (dovrebbe essere quella di Palermo) a 11. L’interessante Rmc 101 di Marsala (da non confondere con la Rmc nazionale, naturalmente) è a 11 (era a 13).
Poi ci sono le Radio del gruppo trapanese Conforti, con Radio Itaca a 7, Radiolina a 6 e Radio 102 a 3. A quota 5 è Radio Cl1 di Caltanissetta, mentre a 1 c’è, per chiudere, Etna Radio, nuova antenna ‘originale’ del citato gruppo RMB di Belpasso.
È ovvio – infine – che la Fm siciliana è ricca di molte altre stazioni anche di un certo interesse, come (ne citiamo solo alcune) le catanesi Radio Flash e Radio Universal, RF101 e Rete 94 di Favara, le palermitane del Teaser Media Group Radio Show e Radio Action (più adesso Radio One), l’agrigentina Radio Vela. E molte altre, naturalmente. (M.R. per NL)