Home News Ticker Tv Radio. Mediaset, Pier Silvio Berlusconi: nessuna ulteriore acquisizione in Italia. Ma intanto...

Radio. Mediaset, Pier Silvio Berlusconi: nessuna ulteriore acquisizione in Italia. Ma intanto si guarda all’estero. A settembre lancio del brand bouquet United Music e lavori su tv RMC

united music

Berlusconi è soddisfatto dell’andamento delle Radio, ma esclude nuove acquisizioni in Italia. Piuttosto, concentrazione sull’esistente, sul brand bouquet United Music e sulla tv di RMC.
Radiomediaset ha archiviato il 2018 con un fatturato di quasi 75 milioni di euro ed un risultato operativo pari al 20% del fatturato stesso.
Per il 2019 il Biscione stima un miglioramento della marginalità di Radio 105, Virgin Radio, RMC, R101 e Subasio che sono ben al di sopra del 2,2%, posizionandosi a +6,3% di raccolta pubblicitaria.
Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato del Gruppo Mediaset, si dice soddisfatto dell’andamento del comparto Radio, quanto a fatturato ed ascolti (smentendo quindi indirettamente le voci di possibili iniziative volte a contrastare la pubblicazione dei dati semestrali del Tavolo Editori Radio).

Berlusconi Jr, tuttavia esclude nuove acquisizioni in Italia, ma fonti vicine al gruppo riferiscono che starebbe guardando allo shopping radiofonico estero.
A settembre è intanto previsto il debutto del brand bouquet di radio verticali United Music, per il quale è stata già resa disponibile la nuova app e per cui Radiomediaset avrebbe avanzati contatti con alcune case automobilistiche per la preinstallazione sul dashboard delle connected car (mercato su cui l’attenzione è altissima). Quanto al modello di business di United Music, sono escluse formule di abbonamento: il prodotto si finanzierà attraverso spot di dieci secondi ogni tre canzoni ascoltate. Il brand bouquet si arricchirà poi con personality radio come quelle annunciate di Bob Sinclar, Terence Trent D’Arby e David Morales.

Entro fine anno è poi previsto il restyling di RMC per la quale dovrebbe finalmente partire il nuovo canale tv (che entrerà a regime nel 2020 e per cui si parla nuovamente dell’LCN 66 nell’ipotesi di un riposizionamento di Italia 2 sul 55).
Intanto, sempre sul tema attualissimo della visual radio DTT, sembrerebbe che un altro superplayer radiofonico abbia conseguito l’acquisizione di un LCN nazionale del genere musicale nel blocco 60. (E.G. per NL)