Home Radio e TV Radio e Tv. La sindrome di Stendhal degli appassionati di tralicci ed...

Radio e Tv. La sindrome di Stendhal degli appassionati di tralicci ed antenne

In pochi mesi il gruppo Facebook Tralicci e impianti AF/BF ha raggiunto e superato i 1000 iscritti, avviandosi rapidamente all’ambizioso traguardo dei 2000.
Nato su iniziativa di Floriano Fornasiero, ex piccolo editore radiofonico veneto nei ruggenti anni ’80 e da sempre appassionato del mezzo, il Gruppo Tralicci e impianti AF/BF vede la partecipazione di operatori del settore (tecnici, editori, conduttori radiofonici, pubblicitari, consulenti di varia natura), appassionati delle componenti tecniche ed editoriali di emittenti radiotelevisive esistenti e non più.
(Domanda) Floriano, come mai questa idea?
(Risposta) Eh, la passione per la radio….(ride) C’è chi davanti ad un quadro si fa cogliere dalla sindrome di Stendhal; io ho quella del traliccio: di fronte ad un coacervo di antenne vado letteralmente in estasi. Mi sono quindi detto: perché non partecipare con altri coinvolti da questa passione, creando un gruppo Facebook dove condividere foto di tralicci, antenne e apparecchiature di alta e bassa frequenza, altrimenti difficilmente reperibili, tutte insieme, in rete?Floriano Fornasiero - Radio e Tv. La sindrome di Stendhal degli appassionati di tralicci ed antenne(D) Detto fatto: in pochi mesi un boom di iscrizioni!
(R) Vero. Non mi aspettavo un riscontro così vasto ed immediato. Ho pensato: allora non sono l’unico ad essere estasiato davanti a torri di telecomunicazioni o ad apparecchiature che generano onde sonore o radio.
(D) Così pare. Chi sono gli iscritti?
(R) E’ una platea estremamente eterogenea: c’è il grande editore arso dalla passione come quando quaranta anni fa attivò la sua prima frequenza FM che interagisce col giovane ingegnere delle tlc che vuole entrare a contatto con un mondo tanto appetibile quanto ristretto. C’è l’ex dj degli anni ’80 che ritrova la gioia della sua gioventù insieme all’antennista che anche a sessanta e passa anni non disdegna di salire sulle torri. E ci sono gli appassionati come me, ma anche avvocati specializzati, consulenti, economisti del settore, esperti di produzione radiotelevisiva ed anche, con grandissimo piacere ed onore, funzionari/dirigenti del Ministero dello Sviluppo Economico, organismo per la regolamentazione e la sorveglianza del mondo delle telecomunicazioni……vecchio trasmettitore - Radio e Tv. La sindrome di Stendhal degli appassionati di tralicci ed antenne(D) A parte le foto – bellissime e spesso rarissime – ci sono anche rilevanti componenti contenutistiche….
(R) Sì, grazie al contributo degli iscritti pubblichiamo delle vere e proprie chicche del passato (spesso remoto) del settore, con foto, articoli, ricostruzioni, dettagli introvabili che meritano di essere condivisi ad imperitura memoria…
(D) Ormai il gruppo è un aggregatore di informazione e sta assurgendo a punto di riferimento.
(R) Sì, ma si può e si deve far sempre meglio. E non nascondo che sta diventando impegnativo, anche se mi inorgoglisce essere riuscito a radunare un numero così grande di operatori che interagiscono in maniera sublime…traliccio crollato - Radio e Tv. La sindrome di Stendhal degli appassionati di tralicci ed antenne(D) Idee per il futuro?
(Risposta) Intanto una collaborazione informativa con Newslinet, principale testata giornalistica di riferimento per il settore radiotelevisivo, di cui ospiteremo i pezzi più rilevanti per gli operatori. E poi, chi può dirlo? Solo pochi mesi fa nemmeno pensavo sarebbe successo questo…. (M.L. per NL)