Radio, USA: più grande creditore di iHeart Media disponibile a piano salvataggio colosso radiofonico. Che però dovrà cambiare modello di business

iheart radio - Radio, USA: più grande creditore di iHeart Media disponibile a piano salvataggio colosso radiofonico. Che però dovrà cambiare modello di business

Il New York Post, confermando le indiscrezioni pubblicate qui qualche settimana fa, riferisce che il creditore più grande di iHeart Media sarebbe pronto a sottoscrivere un accordo per un piano di ristrutturazione del debito.
Il fondo Franklin Resources starebbe infatti lavorando con le società di investimento PJT Partners per definire il piano da presentare alla società la prossima settimana.
Franklin possiede 2,3 miliardi di dollari del debito da 20 miliardi di iHeart, per il quale avrebbe intenzione di chiedere agli altri creditori ed agli azionisti di ottenere una quota di maggioranza nel broadcaster a fronte di una riduzione dell’esposizione (si parla di un miliardo di dollari, che dovrebbero essere pagati prima che i titolari di azioni possano prendere qualsiasi distribuzione o dividendi).iheartradio 300x199 - Radio, USA: più grande creditore di iHeart Media disponibile a piano salvataggio colosso radiofonico. Che però dovrà cambiare modello di business
La proposta di Franklin è comunque condizionata all’assenso di quella degli altri creditori, guidati da Symphony Asset Management, che ha fatto sapere che “non firmeranno nessun nuovo accordo, a meno che Franklin non abbia accettato le loro condizioni”.
Ad ogni modo, mentre è altamente probabile che si addivenga ad una soluzione del pasticcio finanziario, posto che l’alternativa sarebbe un crack spaventoso che non converrebbe a nessuno, dubbio rimane il futuro di iHeart se non si metterà mano radicalmente ad un modello di business del tutto superato. La fruizione radiofonica sta infatti cambiando profondamente, passando da un sistema di relativamente poche stazioni orientate a molti utenti a quello di molte emittenti (IP) destinate a relativamente pochi utenti, puntando a mantenere inalterata la massa degli ascolti.Radio Padova studi 300x225 - Radio, USA: più grande creditore di iHeart Media disponibile a piano salvataggio colosso radiofonico. Che però dovrà cambiare modello di business
Ma il problema più imminente dei grandi broadcaster di tutto il mondo è quello di evitare di finire fagocitati dagli OTT di Internet (Google, Facebook, Amazon), come sta succedendo alla tv.
Per farlo la radio deve mutare pelle imparando dalla Waterloo della tv: il confronto con YouTube.
E quello che accadrà con la ristrutturazione di iHeart sarà un percorso molto istruttivo per tutti.
(M.L. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio, USA: più grande creditore di iHeart Media disponibile a piano salvataggio colosso radiofonico. Che però dovrà cambiare modello di business

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL