Switch-off nord Italia. Tv locali sul piede di guerra: se non si risolve questione frequenze, a settembre in DTT su canali attuali

Settimana prossima dovrebbe essere pubblicato il Piano di assegnazione delle frequenze digitali revisionato da un’Agcom in burrasca. A seguito d’indiscrezioni, già si sa, però, che muteranno molte cose rispetto ad oggi.

A parte l’introduzione di reti k-SFN, in deroga al principio iniziale del single frequency network assoluto (per i privati), varieranno le frequenze del dividendo (che diventerà più appetibile) e le assegnazioni ad alcuni operatori di rete nazionali. Il tutto, ovviamente, a danno delle emittenti locali. O almeno questo è quanto sostengono gli editori areali, che non ci stanno e minacciano guerra giudiziaria e tecnica. Sul primo fronte, infatti, già nel prossimo mese di luglio potrebbero essere notificati centinaia di ricorsi al TAR contro il nuovo Piano delle frequenze, che inevitabilmente saranno seguiti da istanze cautelari di sospensione dell’efficacia dei provvedimenti amministrativi in occasione delle assegnazioni dei diritti d’uso per i canali digitali nell’Area Tecnica 3 (Lombardia, con esclusione della provincia di Mantova, dal Piemonte orientale e dalle province di Parma e Piacenza). Ai ricorsi contro il Piano si aggiungeranno, inevitabilmente, le impugnazioni degli specifici provvedimenti di assegnazione agli operatori dell’AT3, che si preannunciano molto restrittive, un po’ per la superficialità con cui è stato condotto l’accertamento sugli impianti esistenti in Lombardia e un po’ per i limiti che la scarsità di risorse frequenziali a disposizione implica. Il tutto inasprito dalla valutazione oggettiva che alle locali finiranno avanzi frequenziali conseguenti alla selezione effettuata per i nazionali e per il dividendo, con una disponibilità oltremodo limitata dalla previsione della destinazione, dal 2015, dei canali dal 61 al 69 UHF allo sviluppo della tecnologia Wi-Max. Per la seconda linea di fuoco, le stazioni locali starebbero poi pensando – e questa sarebbe l’iniziativa più dirompente – addirittura di boicottare lo switch-off, passando sì al DTT integrale, ma sulle frequenze già esercite (quelle attuali). Un’ipotesi che, di fatto, annienterebbe l’intero processo. Ma lo scioglimento del nodo gordiano delle frequenze non è l’unica richiesta di editori locali infuriati più che esasperati: sul tavolo c’è anche la spinosa vicenda dei logical channel numbers (LCN), la cui soluzione preventiva alla migrazione dell’AT3 è considerata imprescindibile, per scongiurare il collasso delle imprese televisive esistenti per azzeramento della presintonizzazione. Insomma, un’estate che si annuncia, televisivamente parlando, incandescente. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Switch-off nord Italia. Tv locali sul piede di guerra: se non si risolve questione frequenze, a settembre in DTT su canali attuali

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL