Wall Street Journal, più sport e lifestyle

Murdoch si dedica “troppo” al restyling del Wsj; i direttori dei quotidiani inglese chiedono più attenzioni


Non c’è immagine migliore di un bimbo in estasi sotto l’albero di Natale, per descrivere l’impegno, l’entusiasmo e la dedizione con le quali il signor Murdoch sembra curarsi del suo gioiellino. A confermarlo questa volta sono l’ex direttore del Sunday Times, Andrei Neil, e Roy Greenslade, ex vice-direttore del The Sun, i quali avrebbero addirittura dichiarato che il magnate australiano si starebbe disinteressando dell’Inghilterra perché troppo occupato a pianificare il futuro del Wall Street Journal. E a quanto pare la ragione sta dalla loro parte: informazioni piuttosto affidabili, sebbene provenienti dai ranghi più bassi delle rispettive redazioni, confermano che nonno Rupert non telefona più ogni mattina, come faceva invece abitualmente, per sapere cosa c’è in prima pagina sui giornali citati. La devozione per il Wsj è tanta da dedicarsi a tempo pieno al suo restyling, a quanto pare destinato non solo ad alleggerire i toni della testata newyorchese, ma anche a favorire l’ingresso di nuovi investitori, con l’ampliamento significativo delle sezioni di sport e lifestyle. Così il tycoon (come soprannominato dai collaboratori inglesi) si dedicherà a breve al restauro grafico e contenutistico delle sezioni Personal Journal e Weekend Journal, oltre che – assurdo, ma vero – al trasferimento della sede di New York da un lato all’altro della strada, per favorire l’accesso alla sede ai dipendenti pendolari. (Marco Menoncello per NL)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Wall Street Journal, più sport e lifestyle

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL