YouTube nel 2007 sarà sui cellulari?

Il portale spera di varare per il prossimo anno un servizio di download dei video pensato per i telefonini


da Punto Informatico

New York – Se il telefono cellulare, in veste di smartphone, per certi versi può fare degnamente le veci di un PC o di un televisore, allora può accogliere tutto ciò che è normalmente fruibile da tali apparecchi. L’assioma è stato da tempo recepito dagli operatori e da alcuni utenti e ora sembra averne fatto tesoro anche YouTube, che ambisce a lanciare entro il prossimo anno un servizio di video sharing pensato appositamente per telefoni cellulari e dispositivi wireless.

La notizia è più di un’indiscrezione e proviene da Chad Hurley, co-fondatore e CEO di YouTube, che in una conferenza tenuta durante l’OgilvyOne Global Digital Summit ha affermato che offrire un servizio video per telefoni cellulari sarebbe un’opportunità strategica per l’azienda: “Speriamo, entro il prossimo anno, di poter offrire qualcosa per i dispositivi portatili: sta diventando un mercato enorme e, specialmente per la tipologia di video con cui lavoriamo, è una transizione naturale”.

La telefonia mobile è già un mercato di riferimento per YouTube: lo smartphone è uno degli strumenti di ripresa più utilizzato per i video ospitati dal portale di social broadcasting, che in primavera ha varato una versione mobile di YouTube, sviluppata proprio per permettere l’upload dei video da telefono cellulare.

È quindi verosimile pensare, se a questa si aggiungerà la possibilità di un download “tarato” sugli smartphone, ad un rapido allargamento del bacino di utenza, del mercato e quindi del business. Quello di YouTube e, quindi, di Google, che di recente se ne è assicurato il controllo, un affare da 1,65 miliardi di dollari (circa 1,3 miliardi di euro).

Dario Bonacina

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - YouTube nel 2007 sarà sui cellulari?

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL