DTT. Dopo le proteste degli operatori il Mise riformula modello: manifestazione interesse alla rottamazione anticipata non vincolante

modello, antenne

Dopo l’evidenziazione (effettuata per primo da questo periodico) del rischio di un’adesione vincolante alla manifestazione di interesse al rilascio anticipato delle frequenze televisive in ambito locale ai sensi dell’art. 4, comma 9 del d.m. 19/06/2019 il Ministero sostituisce, nuovamente, il modello dell’avviso pubblico del 05/02/2020.

Solo una ricognizione

Modello che ora reca in evidenza il carattere non vincolante di una manifestazione tesa a consentire al Mise “una ricognizione relativa ai soggetti interessati al rilascio anticipato delle frequenze” che intendono“avvalersi, nel periodo compreso tra il 04/05/2020 e il 30/05/2020, della facoltà prevista dall’art 4, comma 9 del d.m. 19/06/2019 di effettuare il rilascio della frequenza oggetto del relativo diritto d’uso nella finestra temporale individuata dall’art. 1, comma 3, della determina direttoriale 28 novembre 2019“.

Nodo indennizzi

Resta ovviamente aperto il nodo dell’indennizzo (quasi certamente 0,36 euro per testa ISAT del diritto d’uso, salvo impianti limitati indennizzati per 0,18 euro), che sarà sciolto solo dopo la pubblicazione del decreto che, tuttavia, sarà successivo al termine della ricognizione, posto che essa ha proprio la finalità “di assumere informazioni necessarie alla definizione dei presupposti e delle tempistiche per l’erogazione degli indennizzi di cui all’art.1, comma 1039, lett.b) L.205/2017 e ss.mm. nonché alla corretta attuazione degli impegni assunti dall’Italia in sede internazionale, potranno manifestare l’interesse al rilascio anticipato delle frequenze, rispetto alle scadenze previste dal DM 19/06/2019“.

Termine per manifestazione al 28/02/2020

La manifestazione di interesse per il rilascio anticipato delle frequenze dovrà pervenire, entro e non oltre il 28/02/2020, compilando il (nuovo) modello allegato all’Avviso pubblico, al Ministero dello sviluppo economico – Direzione Generale per i Servizi di Comunicazione Elettronica, di Radiodiffusione e Postali, a mezzo PEC, all’indirizzo: dgscerp.dg@pec.mise.gov.it. (M.L. per NL)

foto antenne di Floriano Fornasiero

 

 

printfriendly pdf button - DTT. Dopo le proteste degli operatori il Mise riformula modello: manifestazione interesse alla rottamazione anticipata non vincolante