DTT. Trentino come Piemonte: scoppia la guerra LCN. E mux RAS in Paganella per Alto Adige mettono a rischio ben 3 reti tra Lombardia e Veneto

ras, paganella

Come ampiamente previsto, anche i fornitori di servizi di media audiovisivi (FSMA) del Trentino finiscono nel tritacarne del refarming, con sopravvenuti conflitti LCN ingestibili su Trento città e gran parte della provincia. Ma si tratta della punta dell’iceberg dei problemi che si schianterà col Titanic dello switch-off in navigazione, con arrivo previsto per marzo 2022.

Andiamo per ordine

RAS (acronimo di Radiotelevisione Azienda Speciale per la Provincia autonoma di Bolzano) ha attivato in Cima Paganella (2147 metri + 50 di traliccio), in Trentino, i tre canali attributi per l’Alto Adige (provincia autonoma di Bolzano, AT04B): 21, 34 e 42. Il primo effetto è stato, ovviamente, un gigantesco conflitto LCN tra i FSMA trasportati sui nuovi mux di AT04B (ma con servizio anche su AT04A) con quelli veicolati sui mux uscenti (ma non ancora usciti) sull’AT04A.

La mina Paganella

Immediate, naturalmente, le proteste, come avvenuto in Piemonte. Ma è solo l’inizio, perché la visibilità ottica della postazione della Paganella impatterà pesantemente anche sulle aree tecniche venete (05) e lombarde (03). I tre canali di RAS sono infatti coincidenti con quelli delle reti di 1° livello di Raiway in Lombardia (34 UHF) e Veneto (42 UHF) e con quella di 2° livello di Studio1 Network per la Lombardia (21 UHF).

Impatto su aree tecniche 03 e 05

La rete di 1° livello per la Lombardia (34 UHF), secondo alcuni tecnici, potrebbe avere gravi problemi interferenziali nella provincia di Brescia, mentre quella per il Veneto (42 UHF) sarebbe a rischio nelle province di Verona e Mantova. La rete di 2° livello (21 UHF) per la Lombardia, potrebbe, invece, essere pregiudicata nelle province di Brescia e Cremona.

Il pasticcio è servito

Un gran bel pasticcio, insomma. E siamo solo all’inizio, considerato che mentre la convivenza sulle due aree tecniche (AT04A e AT04B) in Trentino Alto Adige si potrebbe astrattamente conseguire attraverso strategici scambi di LCN tra i relativi FSMA, difficile appare una soluzione per i conflitti radioelettrici. Risolvibili sono attraverso (improbabili) rinunce alle coperture. (E.G. per NL)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - DTT. Trentino come Piemonte: scoppia la guerra LCN. E mux RAS in Paganella per Alto Adige mettono a rischio ben 3 reti  tra Lombardia e Veneto

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL