Gasparri vs Gentiloni: “Mente e la sua legge non vedrà mai la luce”

L’ex ministro alle Comunicazioni che ha dato il nome alla L. 112/04 attacca l’attuale titolare del dicastero


Maurizio Gasparri (deputato AN) è arrabbiato, non si sa se veramente o solo per coltivare il fine di infiammare (se mai ce ne fosse bisogno) un momento politico molto delicato per il pasticcioso governo Prodi, che definire traballante è un eufemismo.
L’occasione a Gasparri, Gentiloni la offre su un piatto d’argento, dichiarando una gestazione della legge 112/04 di tre anni: un errore ritenuto imperdonabile dall’ex ministro, che tuona: “L’on. Gentiloni non ha dimestichezza con il calendario. La mia legge di riforma del sistema radiotelevisivo è stata presentata nel settembre del 2002 ed approvata definitivamente nell’aprile del 2004. Non sono tre anni, ma esattamente poco più di 18 mesi, cioè un anno e mezzo. La metà del tempo che lui ha detto”.
Ormai lanciato, Gasparri affonda il tiro: “Mentire deve essere un’abitudine per lui. La sua legge, invece, non vedrà mai la luce“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Gasparri vs Gentiloni: "Mente e la sua legge non vedrà mai la luce"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL