In libreria. Gli inviati di Mussolini. I corrispondenti di guerra 1940-1943. F. Fattore, Mursia

guerra

Alla vigilia del secondo conflitto mondiale il regime fascista decise che anche gli inviati dei giornali dovessero partire e rispondere alla chiamata alle armi.
Nella politica del ventennio nero, e nei regimi totalitari in generale, il giornalista è sempre stato una figura cardine, con un peso decisivo nella conquista dell’opinione pubblica. Ovviamente, in guerra, potevano soltanto visitare i reparti dove risiedevano i soldati, ma non per questo motivo erano immuni dai rischi e dai pericoli causati dai conflitti armati. Il desiderio di Fabio Fattore, attraverso l’opera “Gli inviati di Mussolini”, è stato quello di ricostruire la storia della corrispondenza di guerra tra il 1940 e il 1943, quindi di narrare le storie e le vicende viste dal lato degli inviati.

Da giornalista, Fattore, dopo aver osservato come in tanti anni nessuno sia riuscito a ricostruire e studiare in maniera opportuna il funzionamento della corrispondenza di guerra nell’epoca fascista – a causa, probabilmente, del pregiudizio che si trattasse di un’attività propagandistica ricca di omissioni e di false informazioni – ha voluto raccontare la storia di cinque corrispondenti dei quotidiani Il Messaggero, Il Popolo d’Italia, il Corriere della Sera, La Gazzetta del Popolo e Il Giornale d’Italia. Ha quindi utilizzato nel testo un approccio interdisciplinare che prendesse in esame anche il funzionamento dei meccanismi politici e militari. I corrispondenti di guerra sono stati complici o anch’essi vittime del regime?

Per appassionati di informazione, e non, sarà interessante leggere l’analisi sulla censura: la lunga mano del regime, capace di condizionare la stampa, ma che in realtà era solo una parte delle dinamiche che hanno portato a cestinare o massacrare gli articoli. La verità è che non esisteva una sola forma di censura, ma ve ne erano tante: da quella politica dei direttori dei giornali, a quelle dei comandi militari. Attorno alla figura degli inviati di guerra si è creato un alone di mistero che ne ha condizionato il modo di lavorare ed ha modificato i prodotti destinati ai lettori: tutte questioni che sono state a lungo trascurate, ma che finalmente vivono e vengono raccontate in maniera coinvolgente grazie all’autore.
Il libro edito da Mursia è disponibile online e nelle migliori librerie al prezzo di 19,00 euro. (D.D. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - In libreria. Gli inviati di Mussolini. I corrispondenti di guerra 1940-1943. F. Fattore, Mursia

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL